Baklava

Il baklava è un dessert ricco di zucchero (o miele) e frutta secca originario della Turchia. La storia del baklava non è ben documentata. È stato rivendicato da molti gruppi etnici, ma molto probabilmente si tratta di un piatto turco proveniente dall’Asia Centrale, il quale è stato sviluppato nella sua forma attuale nelle cucine imperiali del Palazzo di Topkapi. Il baklava è un dolce complesso e stratificato, di sottili sfoglie di pasta fillo, proprio come foglie o fogli di carta, imburrate e appoggiate in una teglia: noci tritate più o meno finemente (le quali possono essere sostituite da pistacchi), vengono sparse sui vari strati, che vengono poi cotti al forno, prima di essere imbevuti con una soluzione di zucchero e succo di limone o miele e spezie con acqua di rose. Nelle tradizioni greca e turca, a questo punto viene tagliato in triangoli, quadrati o rettangoli, in Libano la forma prediletta è quella del diamante/rombo o sempre in Turchia, arrotolato e tagliato in fette circolari. Come quasi tutti i piatti molto diffusi, quasi ogni regione, o forse quasi ogni famiglia, ne conserva una ricetta diversa.

Tradizionalmente secondo gli Ortodossi il numero di strati che compongono il baklava ammonta a 33, in riferimento agli anni della vita di Cristo

 

Seguimi anche su FACEBOOK

Baklava

 

Ingredienti

500 g di pasta Fillo

350 g di mandorle tritate

150 g di pistacchi tritati

Cannella in polvere q.b

180 g di burro fuso

 

per lo sciroppo

50 g di miele

450 g di zucchero

300 ml di acqua

2 cucchiai di succo di limone

 

9224030_600x338

Procedimento 

Per prima cosa preparate lo sciroppo di zucchero facendolo sciogliere sul fuoco con l’acqua, il miele ed il succo di limone.

Dopo qualche minuto di cottura vedrete che diventa denso e che vela il vostro cucchiaio: toglietelo dal fuoco e fatelo raffreddare nel frigorifero.
Stendete 12 fogli di pasta fillo in una pirofila rettangolare, ben imburrata e dai bordi alti.
Spennellatele con del burro fuso e adagiateci sopra altre 5 sfoglie che spennellerete ognuna con il burro.

Su questi primi 6 strati cospargete le mandorle ed i pistacchi tritati non troppo grossi; finite spolverizzando con la cannella in polvere. Ricoprite il tutto con le altre 6 sfoglie che andranno spennellate ognuna, inclusa la superficie dell’ultima, con il burro restante.

Ora prendete un coltello dalla lama tagliente, immergetela in acqua bollente e tagliate la pasta, fino a toccare il fondo della teglia, diagonalmente nelle due direzioni in modo da ottenere dei rombi.

Infornate a 180° per circa 40 minuti il tempo necessario a che la pasta si cuocia bene e risulti bella dorata.
Togliete la BAKLAVA dal forno e versateci subito sopra lo sciroppo freddo facendo in modo che entri bene nelle linee che racchiudono i rombi. Fate raffreddare e servite.

Precedente Casatiello rustico Successivo Welsh Cakes