Crea sito

Asparagi in crosta di speck e Castelmagno

asparagi

Gli asparagi bianchi in crosta di speck e fonduta di Castelmagno rappresentano un piatto molto gustoso. Da presentare come antipasto o anche come secondo piatto. L’asparago bianco e’ unico e da poco vanta del marchio D.O.P., un marchio di qualità che ne riconosce l’unicità. Il suo territorio di produzione è Bassano. Qui è controllato e delimitato, e le caratteristiche variano in base alle condizioni di coltura, al tipo di terreno e molti altri fattori.

L’Asparago Bianco di Bassano D.O.P. è un alimento altamente deperibile. Deve essere consumato entro pochi giorni dalla raccolta (massimo 2-3 gg.). E’ consigliabile porlo all’interno del frigorifero a 4° di temperatura o immergerlo in acqua fredda potabile. E’ preferibile evitarne la prolungata esposizione alla luce e all’aria.

 

 

Seguimi anche sui social

FACEBOOK         INSTAGRAM         PINTEREST         TWITTER         YOUTUBE

asparagiAsparagi in crosta di speck e Castelmagno

 

 

Ingredienti per 4 persone 

8 asparagi bianchi

4 fette di speck

Burro q.b.

200 g di Castelmagno

150 ml di latte

 

 

Procedimento 

Pelate la parte finale dell’asparago con un pelapatate e raggruppateli a mazzetti da 8 asparagi circa.

Legateli con dello spago da cucina, tagliare la parte del finale dell’asparago 2 cm circa.

In una pentola capiente (meglio se alta e stretta) fate bollire abbondante acqua salata e immergete i mazzetti in piedi fino a ¾ della loro altezza. Coprite e lasciate cuocere per circa 15 minuti.

Scolateli e fateli saltare velocemente in padella con due noci di burro, quindi toglierli e arrotolarli due per volta in una fetta di speck.

Prendete una pirofila da forno, ungetela con altro burro e adagiatevi gli asparagi. Nel frattempo dedicatevi alla preparazione della fonduta.

Scaldate il latte, aggiungete il Castelmagno tagliato a dadini e senza smettere di mescolare, fate sciogliere per bene il formaggio.

Cospargete gli asparagi con la fonduta e fate cuocere in forno a 180° fino a quando non cominciano a dorarsi.

Serviteli ben caldi e buon appetito.

NOTA: se non riuscite a reperire il Castelmagno o non è di vostro gusto potete sostituirlo tranquillamente con del parmigiano, del pecorino o dell’asiago stagionato.