Bagel

Ho mangiato i bagel per la prima volta l’anno scorso, durante il mio viaggio a New York, ed è inutile dire che me ne sono innamorata al primo morso! A New York i bagel sono dappertutto e sono molto amati sia per la colazione sia per un pranzo veloce. Si potrebbe pensare che i bagel abbiano origini americane, ma in realtà sono nati in Polonia nel Seicento e si usava donarli alle donne prossime al parto come buon auspicio per la nuova vita. Solamente nell’Ottocento sbarcarono in America insieme ai migranti polacchi e si diffusero come street food.

Ma torniamo a noi! 🙂 Riguardando le foto di New York ho pensato “eppure non dovrebbe essere così difficile fare i bagel in casa”. E dopo aver studiato bene la ricetta e il procedimento, mi sono decisa!

La cosa più curiosa è che i bagel si cuociono in due tempi: si fanno prima bollire in acqua invece di metterli direttamente in forno. Questo perché la loro consistenza soffice e pastosa è data proprio dalla cottura in acqua bollente con l’aggiunta di miele. Dopo vengono trasferiti in una teglia per ultimare la cottura in forno. Sempre grazie alla doppia cottura, i bagel diventeranno dorati senza dover essere spennellati con l’uovo.

Tra una cottura e l’altra è possibile arricchire i bagel con vari semi (per esempio quelli di papavero, di sesamo, di girasole). Bisogna però farlo molto velocemente, se no i bagel si asciugherebbero troppo e i semi non rimarrebbero attaccati.

Una volta sfornati e lasciati raffreddare, è il momento di farcirli ed è anche il momento di dare libero sfogo alla fantasia! Il ripieno più classico dei classici è sicuramente quello composto da formaggio spalmabile, salmone affumicato e aneto. Ma esistono mille varianti, salate e anche dolci. Il mio consiglio prima di farcire i bagel è di tostare le due metà della ciambella su una piastra ben calda per qualche istante.

I bagel possono essere conservati per un giorno in un sacchetto per il pane ben chiuso e comunque, dato che tendono ad indurirsi molto in fretta, è necessario scaldarli anche se non risulteranno morbidi come appena fatti. E’ possibile anche congelarli senza farcitura per un mese.


Bagel

Ingredienti per 8 bagel:

  • 310 gr di acqua
  • 12 gr di sale
  • 250 gr di farina manitoba
  • 250 gr di farina 00
  • 7 gr di lievito di birra disidratato
  • 1 cucchiaino di miele

Per la cottura:

  • 2 lt di acqua
  • 200 gr di miele

Versare l’acqua e il sale in una brocca e mescolare con un cucchiaio per farlo sciogliere. Mettere le farine, il lievito di birra disidratato e il miele dentro la ciotola della planetaria. Montare il gancio, azionare a velocità 1 la planetaria e aggiungere gradualmente l’acqua dove è stato sciolto il sale. Quando il composto si staccherà dalle pareti della ciotola, rovesciare l’impasto su un piano di lavoro e lavorarlo per ottenere una palla compatta: trasferirla poi in una ciotola oliata, coprirla con la pellicola trasparente e lasciarla lievitare per almeno un paio d’ore. Trascorso il tempo necessario, tagliare l’impasto in pezzi di circa 100 gr ciascuno (ne verranno 7/8) e formare dei salsicciotti di circa 30 cm di lunghezza. Dunque arrotolare i salsicciotti intorno alla mano sovrapponendo le due estremità, così da saldare i bagel. Preparare tutti i bagel allo stesso modo e adagiarli su una teglia rivestita da carta forno.

Riempire una pentola di acqua, aggiungere il miele e far bollire. Quando l’acqua bolle, immergere un bagel alla volta e lasciar cuocere per 2 minuti. Recuperarlo quindi con una schiumarola e adagiarlo su una gratella per farlo scolare bene. Trasferire tutti i bagel in una teglia ricoperta da carta forno e infornare a forno statico preriscaldato a 200° per circa 20 minuti o fino a quando i bagel non saranno ben dorati. Lasciarli raffreddare, tagliarli a metà e farcirli a piacere.

Se ti è piaciuta questa ricetta, seguimi anche sui social per non perdere nessuna delle mie prelibatezze!

Facebook – Twitter – Google+ – Instagram – Pinterest

Precedente Torta integrale arance e mandorle Successivo Uova ripiene gratinate

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.