Zuppe, Minestre e Vellutate

Alt="zuppa di pomodori e pane"

Zuppa di pomodori arrosto e pane

Fuori dalla mia finestra pioviggina e fa fresco, per me è una scusa per gustare qualcosa di sostanzioso e caldo come questa zuppa di pomodori arrosto e pane.

È una zuppa rustica a base di pomodori, cipolla, acqua e, naturalmente, pane.

Questa zuppa ha un sapore ricco e profondo perché i pomodori e il pane sono arrostiti. 

Nessun latticino viene aggiunto alla zuppa e quindi è perfetta per gli intolleranti al lattosio o per chi ha fatto delle scelte etiche!

Inoltre la zuppa di pomodori arrosto e pane può anche diventare una base per qualsiasi zuppa sostanziosa aggiungendo altre verdure cotte, pollo a dadini, fagioli bianchi, riso o patate.

Pomodori: freschi o in scatola?

I pomodori freschi rendono questa zuppa davvero speciale, ma se fuori stagione sostituiteli con i pomodori interi in scatola di alta qualità. 

Mi piace il pomodoro in stile San Marzano per il miglior sapore (per la varietà in scatola).

È sempre bello aggiungere un po’ di colore e croccante alla superficie di qualsiasi zuppa! 

I miei preferiti? Tortillas, crostini, ceci Arrostiti e pane all’aglio con prezzemolo.

Alt="zuppa di pomodori e pane"
Zuppa di pomodori arrosto e pane
  • DifficoltàFacile
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione20 Minuti
  • Tempo di cottura43 Minuti
  • Porzioni2
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti

Per la zuppa di pomodori

600 g pomodorini datterini
200 g pane casereccio (raffermo)
1 rametto timo
2 cucchiai olio di oliva
1 cipolla dorata
1 foglia alloro
800 ml acqua
q.b. sale fino
q.b. pepe bianco

Per servire

q.b. crostini di pane
q.b. olio di oliva
q.b. timo

Strumenti

1 Teglia
1 Pentola
1 Carta forno
1 Frullatore a immersione

Passaggi

Preriscaldate il forno a 180° C impostato su ventilato.

Tagliate i pomodorini a metà, il pane a cubetti e metterli in una teglia.

Aggiungete il timo e cuocete in forno per 30 minuti, finché i pomodori non saranno teneri.

Scaldate l’olio d’oliva in una pentola a fuoco medio. 

Affettate la cipolla e fatela appassire per 3 minuti. 

Togliete la teglia dal forno e aggiungete i pomodori e il pane appena cotti, insieme al sughetto della teglia, nella pentola.

Addizionate la foglia di alloro, l’acqua, il sale, il pepe bianco e fate bollire dolcemente per 10 minuti.

Tolta la pentola dal fuoco sbattete la zuppa con un frullatore ad immersione, fino a quando tutti gli ingredienti non saranno frullati e omogeneizzati.

Rimettete la pentola sul fuoco e fate rapprendere la zuppa di pomodori.

Controllate il punto di sapidità e servite la vostra zuppa di pomodori arrosto con crostini di pane, irrorate con olio di oliva e spolverizzate con timo.

Alt="zuppa di pomodori e pane"
Zuppa di pomodori arrosto e pane

Consigli

Se è estate, aggiungete una manciata di foglie di basilico fresco. In caso contrario, il prezzemolo fresco è delizioso come guarnizione, insieme a del parmigiano grattugiato.

/ 5
Grazie per aver votato!
Alt="zuppa cremosa di zucchine"

Zuppa cremosa di zucchine

La zuppa cremosa di zucchine è l’ideale per quelle giornate in cui tutto ciò che si ha voglia di fare è avvolgersi in una coperta morbida e mangiare zuppa tutto il giorno.

Io adoro sia l’autunno che l’inverno!

Ma concentratevi su questa prelibatezza verde che voglio proporvi.

È sicuramente una di quelle ricette “pulite” che vorrete ripetere ancora e ancora.

Alcune persone sembrano essere infastidite dal colore e non si avvicinano nemmeno a una zuppa che sembra verde. 

Personalmente lo trovo stupendo, ma non vi preoccupate. 

Ecco un semplice trucco per evitare il colore verde: sbucciate semplicemente le zucchine prima di cuocerle. 

Sì, è così facile. 

La vostra zuppa cremosa di zucchine avrà un bel colore biancastro.

Adoro mangiare questa zuppa a pranzo con dei cracker e del pepe nero appena macinato oppure con un filo di olio d’oliva e crostini di pane o come salsa per condire le busiate

Può essere servita anche come cena leggera. 

Una zuppa che richiede meno di 15 minuti per essere preparata potrebbe essere un vero toccasana in quelle intense notti feriali; inoltre per chi tiene alla linea una ciotola grande contiene solo 60 calorie!

A proposito, a volte uso zucchine e broccoli per fare questa zuppa.

Quindi vi lascio decidere. 

Fatemi sapere nei commenti se proverete a fare questa zuppa in entrambi i modi e quale versione vi piace di più.

Se vi piacciono le zucchine, vi consiglio di provare le uova affogate su purea di patate, zucchine e curry.

Alt="zuppa cremosa di zucchine"
Zuppa cremosa di zucchine
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione5 Minuti
  • Tempo di cottura10 Minuti
  • Porzioni2
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti

3 zucchine scure
1 cipolla bianca
1 spicchio aglio
1 cucchiaio olio di oliva
q.b. sale fino
q.b. pepe bianco

Strumenti

1 Padella
1 Frullatore a immersione

Passaggi

Pulite le zucchine, tagliatele a rondelle e saltatele in padella con la cipolla e l’aglio tritati, sale e pepe bianco.

Quando saranno morbide (circa 10 minuti) frullatele con un mixer ad immersione, fino ad ottenere una crema omogenea.

Regolate a piacere con sale e pepe e servite ben caldo.

/ 5
Grazie per aver votato!
Alt="zuppa di pollo e fagioli"

Zuppa di pollo e fagioli cannellini

Sostanziosa e piena di sapore è la zuppa di pollo e fagioli cannellini.

In realtà potreste impiegare i fagioli neri o borlotti, anche i ceci vanno bene.

Questa è la bellezza delle zuppe o degli stufati: potete usare quello che avete in dispensa, aggiungere o portare via, per renderlo vostro. 

Quindi non rimanete bloccati sugli esatti ingredienti che vi citerò.

Se vi piacciono i legumi, vi consiglio di provare la mia zuppa di fagioli cannellini con crostini!

Alt="zuppa di pollo e fagioli"
Zuppa di pollo e fagioli cannellini
  • DifficoltàFacile
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di riposo10 Ore
  • Tempo di cottura2 Giorni 18 Ore
  • Porzioni2
  • Metodo di cotturaBollitura
  • CucinaItaliana

Ingredienti

250 g fagioli bianchi (cannellini)
2 cucchiai olio di semi di girasole
30 g zenzero fresco
2 spicchi aglio
300 g spinaci
1 cucchiaio curry
400 g petto di pollo (tagliato a strisce)
1 dado da brodo (di pollo o vegetale)
q.b. sale fino
q.b. pepe bianco
1 l acqua
q.b. succo di limone

Strumenti

2 Pentole

Passaggi

Mettete a bagno i fagioli bianchi (cannellini) in acqua per 8-10 ore. 

Trascorso questo tempo drenateli e sciacquateli bene.

Portate a bollore una pentola piena d’acqua su fuoco medio-alto. 

Aggiungete i fagioli cannellini e fate bollire per 40-50 minuti, finché non si ammorbidiscono.

Quando saranno cotti, scolateli e teneteli da parte.

In un’altra pentola, su fuoco medio-alto, versate l’olio di semi di girasole, lo zenzero affettato sottilmente e i due spicchi d’aglio tritato.

Alt="zuppa di pollo e fagioli"
Zuppa di pollo e fagioli cannellini

Rosolateli per 2-3 minuti, fino a quando lo zenzero e l’aglio non si ammorbidiscono. 

Mescolate con un cucchiaio di legno.

Addizionate gli spinaci, il curry, il sale e il pepe. 

Cuocete per altri 2-3 minuti.

Tagliate il petto di pollo a listerelle e aggiungetelo.

Versate l’acqua, il dado e i fagioli cannellini cotti in precedenza.

Lasciate bollire per 10-15 minuti.

Giacché la zuppa di pollo e fagioli cannellini sarà pronta, servitela con una spruzzata di succo di limone.

Alt="zuppa di pollo e fagioli"
Zuppa di pollo e fagioli cannellini

/ 5
Grazie per aver votato!
Alt="polenta al parmigiano e verdure"

Polenta al parmigiano con verdure arrostite

Un piatto vegetariano semplice e accogliente con deliziosa polenta insaporita al parmigiano e condita con verdure arrostite.
La polenta calda è il piatto perfetto per vivere in armonia l’autunno e anche l’inverno.
Ottima per cena accompagnata da una generosa quantità di verdure arrosto colorate servite sopra, non c’è niente di meglio.
Avete mai notato che il vostro appetito cambia insieme alle stagioni?
Sapete quando alcuni giorni (di una stagione) sembrano diversi, a cominciare dal primo passo messo fuori, al mattino.
Forse c’è un brivido nell’aria che non c’era il giorno prima oppure le foglie sugli alberi hanno un bordo dorato o cremisi.
Qualunque cosa scateni questa transizione, anche se non ha nulla a che vedere con il tempo atmosferico, quando è richiesto un comfort food accogliente, potrete contare sulla polenta perché vi soddisferà.

Alt="polenta al parmigiano e verdure"
Polenta al parmigiano con verdure arrostite
  • DifficoltàFacile
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione30 Minuti
  • Tempo di cottura28 Minuti
  • Porzioni2
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti

160 g polenta istantanea (farina di mais)
600 ml acqua
2 carote (grandi)
1 cipolla dorata
350 g cavoletti di Bruxelles
100 g Parmigiano Reggiano DOP (grattugiato)
q.b. peperoncino in polvere
q.b. olio di oliva
q.b. pepe bianco
q.b. sale

Strumenti

1 Teglia
1 Pentola
1 Pirofila

Passaggi

Preriscaldate il forno a 180°C.
Sciacquate i cavoletti di Bruxelles e tagliateli a metà.
Pulite le carote e tagliatele a dadini; sbucciate la cipolla e tagliatela a spicchietti.
Ungete le verdure mondate con qualche cucchiaio d’olio, insaporite con il peperoncino, disponetele in una teglia rivestita di carta forno, salate, pepate e infornate per circa 20 minuti.
A metà cottura ricordate di dare una rimestata.

Alt="polenta al parmigiano e verdure"
Polenta al parmigiano con verdure arrostite

Nel frattempo mettete sul fuoco una casseruola resistente, una di quelle robuste in grado di mantenere meglio il calore, che permetterà alla polenta addensata di cuocere a bassa temperatura senza attaccarsi o bruciare.
Versate al suo interno ml. 600 di acqua (per una media consistenza) e portatela a ebollizione.
Quindi aggiungete gradualmente la farina di mais, a filo.
Con l’altra mano mescolate (questa è la vostra occasione per praticare la coordinazione occhio-mano).
Versata tutta la farina per polenta rapida, essa inizierà quasi immediatamente ad addensarsi e a bollire.
A questo punto dovrete abbassare la fiamma al minimo.
Mescolate la polenta una o due volte, poi coprite con il coperchio e lasciate cuocere quasi indisturbata per 8 -10 minuti circa.
Controllatela e durante questo tempo mescolatela per altre due volte.

Alt="polenta al parmigiano e verdure"
Polenta al parmigiano con verdure arrostite

Quando la polenta è pronta aggiungete il parmigiano grattugiato (tenendone da parte 2 cucchiai) e 1 di olio.
Ogni qualvolta che preparo la polenta o il purè di patate, mi piace essere generosa con il parmigiano o il burro.
Trovo che siano una tela neutra perfetta per aggiunte cremose e di formaggio.
Stendete la polenta in una pirofila leggermente unta.
Appena le verdure saranno cotte, disponetele sulla spianata di polenta.
Addizionate a pioggia un’ultima spolverata di parmigiano e servite questo piatto stuzzicante, ricco di fibre e vitamine, per una cena che scalda con appetito.

Pasteggiate sorseggiando, a vostro gusto, una buona birra:
– Leffe bionda rifermentata in bottiglia, lievemente speziata, secca e fruttata, dal gusto corposo e armonico.
Al naso, vi accoglieranno aromi maltati di cereali e mais, sentori di banana e chiodi di garofano.
In bocca appare rotonda, con sentori maltati di caramello combinati a sentori fruttati;
– Leffe Triple, anch’essa appartenente alle birre bionde rifermentate in bottiglia, grazie all’azione del lievito e naturalmente torbida.
Eccellentemente equilibrata tra il dolce e l’amaro contiene sentori aromatici come banana, pesca e ananas maturo, nonché aromi speziati ed una sottile fusione di coriandolo e arancia;
– Franziskaner Hell dal colore giallo dorato leggermente torbido racchiude in sé tutta l’effervescenza delle Alpi.
E’ una birra al alta fermentazione dal gusto frizzante, leggera, amarognola e un aroma di lievito che si chiude in un finale secco, floreale, speziato e fruttato.
– Birra del Borgo Duchessa, che prende il nome dai Monti della Duchessa (Rieti), con il suo colore dorato e riflessi aranciati vi conquisterà, grazie anche ai suoi profumi ampiamente fruttati (banana, ananas e frutta tropicale) e floreali, con un delicato pepato.

Alt="polenta al parmigiano e verdure"
Polenta al parmigiano con verdure arrostite

Consigli

La polenta avanzata si riscalda facilmente:

in una casseruola unite 2 -3 cucchiai di liquido (latte, panna, acqua di brodo) per ogni tazza di polenta.

Mescolate per sciogliere i grumi, coprite con il coperchio e fate cuocere a fuoco basso per 5 minuti, mescolando un paio di volte.

Aggiungete altro formaggio, sale e pepe a piacere.

/ 5
Grazie per aver votato!
Alt="vellutata funghi e nocciole"

Vellutata di funghi con porcini e nocciole croccanti

La vellutata di funghi con porcini e nocciole croccanti è uno dei piatti più facili e accoglienti che potete preparare in autunno. 
Ricca, cremosa e naturalmente vegetariana.


Una scrittrice, di cui non ricordo il nome, una volta disse di mangiare gli asparagi dopo un lungo e buio inverno nel Michigan: “vivendo in un luogo di minori contrasti, come fai a sapere cosa si prova a tornare dalla morte?”

Non avrei potuto dirlo meglio, ma aggiungerei che dopo un’estate appiccicosa e opprimente, niente è così rigenerante come una ciotola di vellutata di funghi in una delle prime serate fredde dell’anno.

Ogni anno, ai primi freddi, preparo una vellutata, una minestra o una zuppa.

E ogni anno penso “questa è la mia preferita”.

E lo è, almeno per i prossimi cinque mesi o giù di lì.

Ma ogni anno non riesco a fare a meno di provare qualcos’altro e, prevedibilmente, quello diventa il mio nuovo numero uno.

Che volete farci… accettatemi così… abbiate venia!

Funghi champignon e porcini, patate, nocciole tostate: queste sono alcune delle mie cose preferite.

E davvero, sono tutto ciò che serve per fare questa vellutata.

Però fare qualcosa con tre ingredienti solo per il gusto di chiamarla “vellutata di tre ingredienti” è sciocco, non quando può essere reso molto più gustoso, anche se dal suono meno sexy, con sette ingredienti.

Il segreto per ottenere un sapore ricco in una vellutata come questa?

I funghi porcini secchi, il dado ai funghi porcini e le nocciole tostate.

Questi ingredienti aggiungono una sensazione lussuosa e vellutata, oltre ad aumentare il sapore in un modo che i funghi champignon e le patate da sole non possono fare.

Aggiungete un po’ di pepe nero macinato per far risaltare il gusto dei funghi, e ora sì che ci siamo davvero.

Insieme creano una ricetta incredibilmente semplice che crea dipendenza.

Se alla fine sarete ancora affamati, vi allego le uova affogate su purea di patate, zucchine e curry; la zuppa di lenticchie e cipolle con pane al gratin e la zuppa di fagioli cannellini con crostini!

Alt="vellutata funghi e nocciole"
vellutata di funghi con porcini e nocciole croccanti
  • DifficoltàFacile
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione30 Minuti
  • Tempo di riposo10 Minuti
  • Tempo di cottura20 Minuti
  • Porzioni2
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti

4 patate bianche
300 g funghi prataioli (champignon)
1 dado da brodo (ai funghi porcini o vegetale)
100 g nocciole tostate
40 g funghi porcini secchi (2 bustine)
q.b. sale fino
q.b. olio di oliva
q.b. pepe nero

Strumenti

1 Ciotolina
1 Pentola
1 Padella

Passaggi

Mettete i funghi porcini secchi in ammollo in acqua calda per circa 10 minuti.

Pulite i funghi prataioli (più comunemente champignon) e tagliateli in quarti.

Strizzate i porcini e tagliateli a pezzetti.

Pelate le patate e tagliatele a tocchetti.

Scaldate 600 ml di acqua (dev’essere calda).

In una pentola dai bordi alti soffriggete per qualche minuto le patate ed entrambe le varietà di funghi.

Salate, coprite con l’acqua calda, unite il dado ai funghi porcini o in alternativa vegetale e portate a ebollizione.

Alt="vellutata funghi e nocciole"

Coprite la pentola, abbassate la fiamma e lasciate cuocere per circa 20 minuti.

Nel frattempo tostate le nocciole in un padellino antiaderente, quindi tritatele grossolanamente con un coltello.

Quando le patate saranno tenere, frullate con il mixer ad immersione fino a ottenere una vellutata liscia, assaggiate e regolate di sale, se occorre.

Alt="vellutata funghi e nocciole"

Servite la vellutata di funghi con il trito di nocciole, un giro d’olio e una macinata di pepe nero.

Per una cena ricercata abbinate a vostro piacere un boccale di:
– Leffe bionda rifermentata in bottiglia, lievemente speziata, secca e fruttata, dal gusto corposo e armonico.
Al naso, vi accoglieranno aromi maltati di cereali e mais, sentori di banana e chiodi di garofano.
In bocca appare rotonda, con sentori maltati di caramello combinati a sentori fruttati;

– Leffe Triple, anch’essa appartenente alle birre bionde rifermentate in bottiglia, grazie all’azione del lievito e naturalmente torbida.
Eccellentemente equilibrata tra il dolce e l’amaro contiene sentori aromatici come banana, pesca e ananas maturo, nonché aromi speziati ed una sottile fusione di coriandolo e arancia;

– Franziskaner Hell dal colore giallo dorato leggermente torbido racchiude in sé tutta l’effervescenza delle Alpi.
E’ una birra al alta fermentazione dal gusto frizzante, leggera, amarognola e un aroma di lievito che si chiude in un finale secco, floreale, speziato e fruttato;

– Birra del Borgo Duchessa, che prende il nome dai Monti della Duchessa (Rieti), con il suo colore dorato e riflessi aranciati vi conquisterà, grazie anche ai suoi profumi ampiamente fruttati (banana, ananas e frutta tropicale) e floreali, con un delicato pepato.

Alt="vellutata funghi e nocciole"

Consigli

Potreste anche aggiungere un po’ di pepe alla vellutata stessa, a piacere, ma trovo e preferisco aggiungerlo alla fine come guarnizione. Mi permette di controllare la quantità per ogni ciotola che mangio/servo in base al mio umore e al gusto dei commensali, e c’è qualcosa di così piacevole nel mescolarlo solo leggermente, in modo che ogni boccone abbia un sapore leggermente diverso.

Gli avanzi possono essere conservati in frigorifero fino a una settimana o congelati per diversi mesi.

/ 5
Grazie per aver votato!