Crea sito

Quaresimali napoletani, ricetta originale

I Quaresimali napoletani sono simili ai cantucci toscani con la differenza che al loro interno vi sono profumi e canditi che li rendono uno snack inconfondibilmente leggero e fragrante in tutti i periodi dell’anno in cui volete ridurre al minimo il consumo di cibi zuccherati, senza doverti privare del piacere del dolce!

quaresimali napoletani ricetta
  • CucinaItaliana

Ingredienti per quattro persone

Per realizzare i quaresimali avrai bisogno di:

  • 150 gzucchero
  • 150 gfarina
  • 120 gmandorle
  • 2uova
  • 4 glievito per dolci
  • 50 gcedro candito
  • 1/2 cucchiaiocannella in polvere
  • 4 goccearoma vaniglia
  • q.b.noce moscata polvere
  • q.b.chiodi di garofano macinati
  • q.b.sale

Preparazione dei quaresimali

  1. Setaccia su una spianatoia la farina, lievito, zucchero, 1/2 cucchiaio di cannella, una presa di noce moscata, un pizzico di chiodi di garofano in polvere, 4 gocce di aroma alla vaniglia e un pizzico di sale. Amalgama il tutto, aggiungi un uovo e impasta. Se hai bisogno di rendere l’impasto sodo e compatto aggiungi un cucchiaio di acqua.

    A parte disponi le mandorle intere spelate su una teglia rivestita di carta da forno e mettile a tostare in forno preriscaldato a 180 gradi per una decina di minuti. Girale di tanto in tanto in modo tale da tostare entrambe le parti. Dopo che hai finito di tostare le mandorle levale e lascia il forno acceso.

    Versa le mandorle e il cedro candito tagliato a piccoli pezzi nell’impasto. Amalgama il tutto e crea due filoncini; schiacciali in superficie e spennellali usando un tuorlo d’uovo sbattuto.

    Inforna i filoncini nel forno ventilato e caldo per circa una ventina di minuti. Estraili, lasciali raffreddare e poi realizza delle fette spesse circa 2 centimetri.

    Inforna le fette tagliate e cuocile per circa un quarto d’ora a 160 gradi.

    Servili freddi!

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.