Crea sito

Spaghetti alla chitarra

Spaghetti alla chitarra

Gli spaghetti alla chitarra sono un formato di pasta fresca all’uovo tipico abruzzese, sono a sezione quadrata e si ottengono pressando le sfoglie di pasta fresca su un attrezzo tradizionale abruzzese: la chitarra (potete leggere la sua storia in fondo alla ricetta). La pasta preparata in questo modo è particolarmente porosa e raccoglie perfettamente il sugo. Gli spaghetti alla chitarra si prestano ad essere conditi con qualunque tipo di condimento ma il sugo per eccellenza è quello preparato con le pallottine.

Spaghetti alla chitarra Cucina vista mare

Ingredienti

3 uova

150 g di farina

150 g di semola

Setacciare le due farine sulla spianatoia e disporle a fontana, aggiungere le uova e cominciare a impastare (se volete potete aggiungere all’impasto una bustina di zafferano sciogliendola nelle uova per dare alla pasta più colore e un sapore più intenso). Lavorare l’impasto a lungo, ottenendo un bel panetto liscio ed omogeneo. Farlo riposare avvolto nella pellicola una mezz’oretta. Se si è pratici col mattarello, tirare la sfoglia, altrimenti utilizzare la macchinetta per la pasta. Per preparare gli spaghetti nella maniera tradizionale con la chitarra: poggiare le sfoglie sulla la chitarra. Esercitare sopra una leggera pressione con il mattarello. E in un attimo gli spaghetti saranno pronti. Infarinarli e sistemarli su un vassoio, coperti fino al momento di cuocerli. Se non avete la chitarra servitevi pure della macchinetta per la pasta. Per il sugo con le pallottine QUI.

Spaghetti alla chitarra Cucina vista mare

Io uso la chitarra? Qualche rarissima volta si… in genere però uso la classica macchina per la pasta oppure la pasta maker con l’apposita trafila in bronzo per spaghetti alla chitarra.

Seguite le mie ricette anche sulla pagina FACEBOOK

Curiosità

La chitarra, così chiamata perché le sue corde di acciaio vibrando emettono un suono simile a quello dell’omonimo strumento musicale, è composta da un telaio di legno rettangolare, oppure da due telai con le facce contrapposte che hanno nel loro spazio interno un piano inclinato di legno sul quale sono fissate delle corde metalliche: da un lato le corde sono poste ad una distanza di 2-3 millimetri per tagliare gli spaghetti. Dall’altra parte le corde sono a una distanza di 4-6 millimetri per tagliare le fettuccine.

Spaghetti alla chitarra Cucina vista mare

La “chitarra maccarunare” fu realizzata dai “setacciari ”di San Martino sulla Marrucina, in provincia di Chieti, che costruirono il prototipo intorno al 1860, dopo l’introduzione in Italia del filo d’acciaio portato dai tedeschi. L’attrezzo era chiamato in origine “carratore per pasta” (in dialetto “lu carrature”), e spesso lo si ritrova tra gli oggetti che facevano parte del corredo della sposa. Il nome “carratore” viene dal francese “carrer” che vuol dire squadrare regolarmente. Più o meno intorno ai primi del Novecento il “carratore” cominciò a essere chiamato “chitarra”.

 

2 Risposte a “Spaghetti alla chitarra”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.