Crea sito

Risotto ai fichi

Il risotto ai fichi è un primo piatto saporito e gustoso, una ricetta originale e raffinata che saprà conquistare anche i palati più esigenti. Potete arricchire il vostro risotto ai fichi e dare un gusto più intenso e deciso aggiungendo del gorgonzola, del caprino o della burrata. Potete aggiungere speck o prosciutto crudo e se amate la frutta secca dei gherigli di noci. Potete utilizzare i fichi a buccia scura o quelli verdi, potete usare quelli estivi o quelli settembrini, vanno bene i fichi freschi e pure quelli secchi: a seconda della qualità di fichi che sceglierete cambierà un po’ il gusto del vostro risotto. Dunque un’idea che si presta a tante diverse interpretazioni.

Risotto ai fichi Cucina vista mare
  • DifficoltàBassa
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione30 Minuti
  • Tempo di cottura40 Minuti
  • Porzioni2 persone
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 160 griso Vialone Nano
  • 6fichi
  • 1/2cipolla rossa
  • q.b.dado da brodo ( vegetale fatto in casa )
  • 1 cucchiaioolio extravergine d’oliva
  • 350 mlacqua (calda )
  • 50 mlvino bianco
  • q.b.sale

Preparazione

  1. Per il vostro risotto potete decidere se preparare il brodo vegetale o se come me avete il dado vegetale fatto in casa, semplicemente scioglierne un cucchiaino (circa dieci grammi) nell’acqua calda.

    Sbucciare i fichi e tagliarli in quattro spicchi

    In una casseruola scaldare l’olio (per me solo un cucchiaio ma se voi preferite potete aggiungerne di più) e lasciarvi dorare, a fuoco basso, la cipolla tritata. Poi unire il riso e tostarlo (vi spiego cosa vuol dire nelle note a fondo articolo), sfumare con il vino bianco e lasciarlo evaporare. Aggiungere metà dei fichi e il brodo vegetale (o l’acqua calda con il dado fatto in casa) e portare il riso a cottura aggiungendo il brodo man mano che evapora. A metà cottura unire anche i fichi rimasti. Regolare di sale, mescolare bene e servire.

    Potete a piacere mantecare il vostro risotto aggiungendo dieci grammi di burro prima di servirlo in tavola e potete decorare i piatti con dei fichi tagliati a spicchi.

Note

Cosa vuol dire tostare il riso? La tostatura o saldatura del riso è importante per riuscire ad ottenere un riso croccante, cremoso e non lesso. Grazie alla tostatura il riso rilascerà l’amido gradualmente e i chicchi resteranno interi, morbidi ma croccanti. La tostatura può essere eseguita a secco o insieme al soffritto. Con la tostatura a secco il riso va lasciato cuocere in tegame tre o quattro minuti senza aggiungere alcun liquido. Con la tostatura nel soffritto il riso va aggiunto al soffritto appunto e si lascia cuocere mescolando sempre per tre o quattro minuti. Qual è il procedimento migliore? Come sempre le scuole di pensiero sono diverse: per qualcuno è meglio a secco in modo che il chicco si impermeabilizzi bene. Per altri è meglio utilizzare una base grassa e umida come il soffritto per eseguire la tostatura. Io come faccio? Dipende… a volte a secco altre nel soffritto.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.