Insalata russa

Insalata russa

L’insalata russa è un delizioso antipasto freddo, appetitoso e colorato… A me piace servirla anche come contorno perché si accompagna molto bene alle carni rosse. Esistono tantissime varianti dell’insalata russa, più o meno ricche… la mia è molto semplice… non è la ricetta originale… anche perché da quando fu preparata la prima volta fino ad oggi, la ricetta dell’insalata russa ha subito tantissime modifiche perciò è quasi impossibile sapere esattamente come fosse all’origine. L’insalata russa si prepara tranquillamente in anticipo e va fatta riposare in frigo qualche ora per poterla servire fredda e per dare il tempo ai sapori di amalgamarsi.

Insalata russa Cucina vista mare

Ingredienti

3 patate

2 uova

2 carote

100 gr di piselli

100 ml di maionese

sale

Sbucciare le patate e le carote e tagliarle a piccoli cubetti e lessarli separatamente: occorreranno  8/10 minuti per le patate e 6/8 minuti per le carote. Lessare anche i piselli 5/8 minuti. Scolare le verdure e lasciarle raffreddare. Trasferire le verdure in una ciotola, salarle e condirle con la maionese. Lessare le uova in una casseruola immergendole in acqua fredda e farle cuocere 8 minuti a partire dal momento del bollore. Sbucciare le uova, tagliarle a fette e aggiungerle all’insalata russa come decorazione. Potete anche tagliare le uova a piccoli cubetti e mescolarli agli altri ingredienti. Per un’insalata russa più ricca e più vicina alla ricetta originale potete aggiungere cubetti di petto di pollo lessato, cetriolini in salamoia e un cipollotto.

Se vi piacciono le mie ricette seguite la pagina FACEBOOK con un “mi piace” e per non perdere i miei post attivate le notifiche!

Curiosità

La ricetta originale dell’insalata russa è attribuita a Lucien Olivier un cuoco di origini francesi che la preparò nelle cucine dell’Hermitage a Mosca verso la metà del XIX secolo. Per la sua ricetta usò ingredienti costosi e ricercati: carne fredda, salsiccia, prosciutto, tartufo, capperi, aragosta, caviale, anatra e filetti di acciughe. Ancora più preziosa era la salsa per preparare la quale Olivier usava solo aceto di vino francese, senape e olio d’oliva della Provenza. Si dice anche che la ricetta fosse segreta e che Olivier la variasse a seconda della stagione e dei prodotti presenti sul mercato. Uno dei collaboratori di Olivier approfittando della sua assenza rubò la ricetta per rivenderla ad un ristorante concorrente ma mancava qualcosa… il tocco di Olivier! Da quel momento cominciò la diffusione dell’insalata russa che iniziò anche a modificarsi e i preziosi ingredienti utilizzati da Olivier furono sostituiti con prodotti più economici … L’insalata russa che conosciamo oggi è molto più simile a quella del collaboratore dello chef piuttosto che a quella originale.

2 Risposte a “Insalata russa”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.