Dado vegetale granulare

Dado vegetale granulare

Preparare in casa il dado vegetale granulare è semplice … ci vuole un po’ di tempo ma si ottiene un prodotto naturale e ovviamente più sano rispetto a quello che si acquista al supermercato. Possiamo scegliere con cura gli ingredienti, in questo caso le verdure fresche e le erbe aromatiche … nient’altro. Niente glutammato monosodico, niente conservanti e niente coloranti. Le varianti per ottenere il dado vegetale granulare sono tante, ho scelto quella di Lucia Cuffaro tratta dal suo libro “Fatto in casa. Smetto di comprare tutto ciò che so fare”. Il dado vegetale granulare è un ottimo insaporitore per zuppe, minestre, risotti, minestrone e verdure cotte.

Dado vegetale granulare Cucina vista mare

Ingredienti

500 ml di acqua

500 gr di verdure miste di stagione

150 gr di erbe aromatiche

300 gr di sale fino integrale

2 cipolle medie

2 cucchiai di  olio extravergine d’oliva

In una casseruola versare i due cucchiai d’olio, le cipolle tagliate a pezzi, le verdure (io ho usato: due zucchine, tre carote, 1 gambo di sedano, un porro), le erbe aromatiche (salvia, aghi di rosmarino, prezzemolo, basilico e alloro ma vanno bene anche timo, maggiorana, origano ed erba cipollina). Aggiungere l’acqua e lasciar bollire a fuoco basso fino a che le verdure non ammorbidiscono: ci vorrà circa un’ora e mezza. Aggiungere il sale, mescolare e continuare a cuocere ancora qualche minuto o fino a che non sarà assorbita tutta l’acqua. Eliminare l’alloro e frullare tutto con un mixer ad immersione fino ad ottenere una crema morbida: il colore della crema sarà determinato dal tipo di verdure utilizzate. Disporre la crema su una teglia da forno (senza carta forno) e infornare a 120° per circa due ore e mezzo, mescolando la crema ogni mezz’ora. Il tempo di essiccazione potrebbe variare in base al vostro forno: dovrete ottenere un prodotto secco ma non bruciato. Quando tutto sarà ben freddo staccarlo dalla teglia e travasarlo in vasetti di vetro. Io ho preferito frullare tutto nel mixer in modo da avere un composto più sottile. Il dado vegetale granulare dura a lungo e non va in frigo.

Se la ricetta vi è piaciuta seguitemi sulla pagina FACEBOOK lasciando il vostro “mi piace” e per non perdere i miei post attivate le notifiche!

Precedente Corso di panificazione Successivo Pasta frolla con farina khorasan

2 commenti su “Dado vegetale granulare

  1. Ma scusatemi, una ora e mezza di bollitura, più due ore e mezza di forno.
    Cosa ne rimane di tutti gli elementi nutritivi di quei poveri vegetali? e le vitamine termolabili?
    Penso che a quel punto non sia neanche più necessario fare un dado in casa.
    Non userei la parola più naturale e più sano.
    Che ne direte invece di abituarsi ai reali sapori degli alimenti?
    Ciao Dario

    • cucinavistamare il said:

      Gentilissimo Dario sta parlando con una persona che acquista le verdure dai contadini di zona al mercato quindi verdure biologiche, non trattate, a chilometro zero e soprattutto di stagione. Visto che lei è una persona così precisa converrà con me sull’importanza di mangiare sempre e solo verdure di stagione. So perfettamente quanto è importante conservare tutte le proprietà delle verdure che acquisto e prediligo nella mia cucina cotture brevi e al vapore per non disperdere tali proprietà nell’acqua di cottura. E quando posso per assumere tutte le vitamine, i minerali e gli elementi nutritivi le verdure le consumo anche crude. Ma so anche che molti acquistano il dado al supermercato come insaporitore per i loro piatti. Lista degli ingredienti: sale, glutammato monosodico, grasso vegetale, verdure in proporzione variabile dal 2 al 4%, estratto di lievito, estratto per brodo, aromi, semi di sedano disidratati, spezie. Un vero e proprio concentrato di schifezze e quasi niente verdure. Perciò si, il dado granulare fatto in casa è sano e salutare visto che contiene solo verdure, tante verdure, e sale necessario come conservante. Grazie per aver visitato il mio blog e aver lasciato il suo commento.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.