Cornetti salati di sfoglia

Cornetti salati di sfoglia

Non sempre si ha il tempo di impastare e sfogliare… a volte c’è la necessità di realizzare in pochi minuti qualcosa di sfizioso da servire come aperitivo o come antipasto e la soluzione è davvero semplice! Basta avere in frigo un rotolo di pasta sfoglia pronta e in un attimo riusciremo a sfornare dei deliziosi cornetti salati di sfoglia da farcire come più ci piace. Io ho ottenuto il ripieno mescolando lo stracchino e la salsiccia. Solitamente con questo impasto preparo i crostini (la ricetta la trovate QUI) ma ho voluto provare a utilizzarlo per farcire i cornetti. Ottimo risultato! Provate anche voi!

Cornetti salati di sfoglia Cucina vista mare

Ingredienti

1 rotolo di pasta sfoglia pronta

1 salsiccia

50 gr di stracchino

semi di sesamo

Preparare la farcitura: incidere la pelle della salsiccia con un coltello e toglierla. Sminuzzare la salsiccia. Aggiungere lo stracchino e mescolare per amalgamare bene il composto.Tirare fuori la pasta sfoglia dal frigo e srotolarla lasciandola sulla sua carta forno. Facendo un taglio a croce dividerla in quattro parti, poi dividere ogni spicchio in due parti, ottenendo un totale di otto spicchi. Al centro della parte larga porre un cucchiaino di impasto (non esagerare con la quantità o potrebbe fuoriuscire in cottura). Arrotolare lo spicchio partendo dalla parte larga. Arrotondare leggermente le punte in modo da dare la classica forma a cornetto. Passare i cornetti nei semi di sesamo e sistemarli su una teglia rivestita di carta forno. Cuocere a 180° per circa 20 minuti.

Cornetti salati di sfoglia Cucina vista mare

Se vi piacciono le mie ricette seguite la pagina FACEBOOK con un “mi piace” e per non perdere i miei post attivate le notifiche!

Curiosità

Lo stracchino è un formaggio a pasta molle, cremoso, senza crosta, prodotto con il latte vaccino intero e ottenuto da una stagionatura breve. Il suo nome stracchino deriva dal lombardo “stracch” cioè stanco. Due sono le ipotesi: la prima è che lo stracchino venisse prodotto usando il latte delle mucche “stracche”, stanche, per la transumanza a valle dopo l’alpeggio estivo. Secondo un’altra ipotesi lo stracchino veniva prodotto usando il latte di mucche alimentate in inverno con erba proveniente dalle “marcite”. Le marcite erano campi dove l’acqua scorreva in continuazione e non gelava, in tal modo anche in inverno si riusciva ad avere un taglio di erba che veniva aggiunta al fieno. Il latte prodotto dalle mucche era però povero di nutrimenti e di conseguenza il formaggio ottenuto era stracco, stanco.

 

 

2 Risposte a “Cornetti salati di sfoglia”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.