Crea sito

Come sterilizzare i vasetti

Come sterilizzare i vasetti per le conserve

Sterilizzare i vasetti è fondamentale per poter conservare in modo sicuro marmellate, confetture, verdure sott’olio, salse varie e  passata di pomodoro. Questa è un’operazione da non trascurare e che va effettuata con la massima cura perché se i vasetti, i barattoli o le bottiglie che si utilizzano non saranno perfettamente sterilizzati si corre il rischio di non conservare al meglio gli alimenti e di incorrere in intossicazioni alimentari poiché potrebbero svilupparsi batteri e sostanze pericolose per la nostra salute (per esempio il botulino). E spesso purtroppo la semplice bollitura dei barattoli come la si fa in casa non è sufficiente a creare un ambiente adatto alla conservazione ma ciò che conta è anche il processo di preparazione degli alimenti stessi: potete far riferimento alla guida che trovate in fondo al relativo articolo direttamente sul sito dell’Istituto Superiore di Sanità. Difficilmente io preparo le conserve, è un peccato lo so, perché soprattutto in estate i banchi di frutta e verdura sono ricchi di prodotti che potrebbero accompagnarmi a lungo nella stagione invernale ma l’idea di correre rischi così gravi per la salute mi trattiene. A volte però utilizzo i vasetti per conservare gli alimenti nel congelatore (per esempio il dado vegetale) e allora procedo a sterilizzarli.

Come sterilizzare i vasetti per le conserve Cucina vista mare

Innanzitutto è sempre bene utilizzare dei vasetti nuovi non troppo grandi (da125 a 500 ml di capienza) con dei tappi o coperchi nuovi possibilmente a vite. Vanno bene anche quelli con le guarnizioni che però sono soggette a maggiore usura e vanno sostituite regolarmente. Si possono riutilizzare anche barattoli già usati se sono in buone condizioni ma i tappi no, non possono essere riciclati e vanno acquistati nuovi di volta in volta.

Perché utilizzare vasetti non troppo grandi? Per essere in grado di consumare tutto il prodotto entro pochi giorni dall’apertura in modo da non conservarlo troppo tempo aperto in frigorifero così da non avere sprechi.

Quando vanno sterilizzati i vasetti? Poco prima di mettere gli alimenti all’interno perché i vasetti possono restare inutilizzati solo per un’ora dopo averli sterilizzati.

Come si sterilizzano i vasetti? I metodi sono diversi: si possono bollire, si può utilizzare il forno, il microonde e ho letto anche la lavastoviglie ma lascerei stare questo ultimo metodo che non trovo affidabile. Dunque andiamo per ordine.

1. Bollitura in pentola

In una pentola capiente dai bordi alti che possa contenere i barattoli che avete scelto inserire uno strofinaccio pulito sul fondo (è necessario perché in fase di ebollizione i barattoli restino fermi). Riempire di acqua sia la pentola che i barattoli che dovranno essere completamente immersi nell’acqua. Accendere il fuoco portare a bollore e lasciar andare per trenta minuti. Spegnere il fuoco e lasciar raffreddare i barattoli all’interno della pentola finché l’acqua non sarà fredda. Poi estrarli utilizzando delle pinze e lasciarli asciugare su uno strofinaccio pulito a testa in giù per circa venti minuti. Portare i barattoli in forno alla minima temperatura per pochi minuti in modo che asciughino completamente e non restino goccioline o condensa all’interno. I barattoli sono pronti per essere utilizzati (avrete poco meno di un’ora per riempirli). Per sterilizzare i coperchi si procede nello stesso modo: si inseriscono all’interno di un pentolino con uno strofinaccio pulito si coprono di acqua, si porta ad ebollizione e si lasciano andare per un paio di minuti. Si lasciano raffreddare nell’acqua poi si prelevano con le pinze e si lasciano asciugare su uno strofinaccio pulito per venti minuti girandoli in modo che asciughino bene su tutti i lati.

2. In forno

Lavare i vasetti sotto l’acqua corrente e asciugarli bene. Metterli in forno impostando la temperatura a 100/120 °C e tenerli all’interno per un’ora. Spegnere il forno, inserire i tappi insieme ai vasetti per quindici minuti. Farli raffreddare prima di utilizzarli.

3. Nel microonde

Lavare i vasetti sotto l’acqua corrente e asciugarli. Inserire all’interno di ogni vasetto acqua per 1/3 e riporli nel microonde senza i coperchi. Avviare il microonde alla massima potenza lasciando bollire l’acqua per almeno un minuto, un minuto e mezzo. Estrarre i vasetti facendo attenzione a non scottarsi, buttare via l’acqua e lasciarli asciugare capovolti su un canovaccio pulito. I coperchi andranno sterilizzati in pentola secondo il metodo tradizionale.

Ricordate che se utilizzerete i vasetti per marmellate e confetture dopo averli riempiti con il prodotto ancora caldo dovrete creare il sottovuoto: chiudete i vasetti col loro coperchio, capovolgeteli e lasciateli raffreddare a testa in giù. Trascorsa qualche ora quando il vasetto sarà freddo potete capovolgerlo dal verso giusto e lasciarlo ad assestarsi finché non sarà completamente freddo. Se trascorso il tempo necessario il sottovuoto non si è formato sarà necessario far bollire i vasetti con il loro contenuto seguendo il procedimento tradizionale in pentola, una volta freddi, estrarli, capovolgerli e lasciarli assestare per qualche ora. Se di nuovo il sottovuoto non si è formato consumate subito la vostra conserva.

IMPORTANTE: non correte rischi inutili! Se non siete sicuri è meglio lasciar stare: fare conserve in casa non è da prendere alla leggera. Non dimenticate di leggere la guida dell’Istituto Superiore di Sanità!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.