Castagnole ricetta classica

Castagnole ricetta classica
Quanto sono buone le castagnole? Deliziose, facili da preparare e molto versatili perchè è possibile aromatizzarle in mille modi diversi.
Ho voluto preparare proprio la versione classica, perchè siamo sempre inondati da ricette particolari con aggiunta di ricotta, liquori e farciture golose, ma poi dimentichiamo la vera essenza di ciò che mangiamo.
La ricetta classica delle castagnole prevede un impasto realizzato con farina, uova, zucchero, burro e un aroma liquoroso o un vino.
Prepariamole insieme
SEGUIMI ANCHE SULLA MIA PAGINA FACEBOOK

Castagnole ricetta classica
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di riposo30 Minuti
  • Tempo di cottura5 Minuti
  • Porzioni20
  • Metodo di cotturaFrittura
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 200 gFarina 00
  • 1uovo
  • 1/2 bicchiereVino bianco
  • 30 gZucchero
  • 40 gBurro
  • 1 cucchiainoLievito chimico in polvere
  • 1Scorza d’arancia
  • q.b.Zucchero a velo
  • q.b.Olio di semi

Strumenti

  • 1 Ciotola
  • 1 Padella
  • Carta assorbente
  • 1 Piatto

Preparazione

  1. In una ciotola capiente versate la farina, lo zucchero, l’uovo, il lievito, la scorza grattugiata di un arancia, il burro ammorbidito a temperatura ambiente ed iniziate ad impastare.

    Irrorate l’impasto con il vino bianco, aggiungendolo poco alla volta fino a che otterrete un panetto morbido e compatto.

  1. Avvolgete il panetto ottenuto nella pellicola per alimenti e fatelo riposare per circa 30 minuti in frigorifero.

  1. Fate scaldare l’olio di semi in una padella dai bordi alti.

    Staccate dall’impasto delle piccole porzioni, arrotolatele con le mani alla grandezza di una castagna e immergetele nell’olio caldo poche alla volta.

    Fatele dorare per qualche minuto, rigirandole per una cottura uniforme.

    Quindi prelevatele dalla padella e trasferitela in un piatto coperto da carta assorbente.

    Infine cospargetele con zucchero a velo o zucchero semolato.

    Servite le castagnole tiepide o fredde ma comunque appena preparate per avere un gusto più friabile e intenso.

4,9 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.