Lasagne al ragù bianco e zucchine nichel-free

IMG_5028Le lasagne al ragù bianco e zucchine sono un ottima alternativa alle classiche lasagne. Con la preparazione povera di nichel che vi propongo potete organizzare una portata del pranzo di Natale adatta anche a noi allergici. Buone feste.

INGREDIENTI per 6 persone

300 gr Zucchine

Lasagne pronte (senza conservanti) circa 15 sfoglie in base alla dimensione

Parmigiano reggiano grattuggiato q.b.

PER IL RAGU’

320 gr Salsiccia fresca (se potete assicuratevi che non abbia aromi proibiti nell’impasto, se avete dubbi sostituitela con carne trita)

50 ml Olio di oliva extravergine

50 ml di vino rosso (o brodo o acqua)

50 ml di Acqua

1 rametto di rosmarino tritato

Sale q.b.

Pepe q.b.

PER LA BESCIAMELLA AL PARMIGIANO

500 ml Latte

50 gr Farina

50 gr Burro o Olio di oliva

200 gr Parmigiano grattuggiato

PREPARAZIONE

IMG_4978In una padella antiaderente fate rosolare il rosmarino tritato con l’olio extravergine. Aggiungete la salsiccia spellata e tritata, salate e pepate e fate insaporire per qualche minuto. Sfumate con il vino rosso (io lo sostituisco con acqua o brodo, nelle liste è previsto ma preferisco sempre evitarlo), fate evaporare e poi aggiungete l’acqua, fate cuocere a fuoco moderato fino a che la salsiccia non sarà cotta e morbida.

IMG_4289Lavate e tagliate le zucchine per il lungo a fette sottili, grigliatele su di una bistecchiera e lasciatele a parte.

Preparate la besciamella facendo sciogliere il burro in una pentola antiaderente, aggiungete la farina e mescolate bene. Versate poi lentamente il latte caldo mescolando bene con la frusta in modo che non si formino grumi. Fate cuocere a fuoco dolce fino ad ottenere una besciamella densa. Togliere dal fuoco e aggiungere il parmigiano.

IMG_5003In una teglia antiaderente versate un paio di cucchiai di crema al formaggio, disponete un primo strato di lasagne, proseguite con uno strato di crema, di ragù ed uno di zucchine, proseguite con un altro strato di lasagne, crema, ragù e zucchine. Continuate così fino ad esaurire tutti gli ingredienti, terminate con uno strato di ragù e crema, spolverate con abbondante parmigiano e infornate a 200-220°C per circa 20 minuti.

Ricordatevi sempre di:

  • non utilizzare pentole in acciaio inox 18/10 o in alluminio;
  • utilizzare pentole e accessori in ceramica, vetro, plastica o teflon;
  • non utilizzare la prima acqua del rubinetto ma lasciarla scorrere qualche minuto;
  • aggiungere il sale nella pentola solo quando l’acqua bolle;
  • non usare la carta di alluminio per avvolgere i cibi;
  • usare la carta da forno per rivestire padelle o piastre in ghisa;
  • abolire i cibi in scatola;
  • evitare la cottura di cibi al cartoccio;
  • prediligere gli alimenti conservati in recipienti di vetro.

9 Risposte a “Lasagne al ragù bianco e zucchine nichel-free”

  1. scusa la mia ignoranza vedo per la prima volta il tuo blog vuoi dire che in qualche cibo o nei contenitori cè nascosto il nichel? Grazie ciao Nunzia

    1. Ciao Nunzia.
      Il nichel è un metallo che è normalmente presente in natura, nell’acqua, nella terra. E’ utile al fisico come il ferro, ma in piccole quantità. In grandi quantità fa male. Se inalato è cancerogeno, se ingerito no per fortuna. Per chi è sensibile o allergico può dare però molti disturbi, che vanno dalla dermatite da contatto fino ad arrivare a simtomi più gravi come coliche, problemi gastrici, asma, cefalea… Io personalmente sono allergica e quindi lo devo evitare proprio, ma sono dell’opinione che sapere quali sono gli alimenti che lo contengono ed evitare di assumerne troppo sia una cosa buona.
      Facciamo l’esempio dei vegetali. Ci sono specie che per natura ne assorbono più di altre dall’acqua e dal terreno. Può però capitare che una stessa pianta abbia frutti con una diversa concentrazione di nichel, questo dipende dalla quantità di nichel presente nel terreno in cui è cresciuta e nell’acqua usata per irrigarla. Puoi capire quindi come sia difficile gestire questo tipo di allergia, ci sono tantissime variabili. Usare le pentole di acciaio inox 18/10 implica una contaminazione dei cibi. La sigla inox 18/10 sta a significare che l’acciaio contiene il 18% di Cromo e il 10% di Nichel. Cucinare in quelle pentole significa contaminare i cibi, lo stesso per i cibi in scatola…
      Convivo con questo problema da 15 anni ormai, ho sentito tante opinioni, mediche e non, e ti posso assicurare che c’è tanta confusione.
      Ho creato questo blog per fare un po’ di informazione utile a tutti e per cercare di aiutare chi ha questo problema.
      Spero di vederti spesso sul blog. 🙂

  2. La ricetta è completamente sbagliata e contenente nichel: le uova, la salsiccia, il vino… tutti alimenti con nichel.
    Documentatevi, prima di scrivere certe ricette pericolose!

    1. Cara Elena, praticamente ogni alimento contiene nichel. Il nichel è contenuto ovunque, chi è allergico deve cercare di ridurne il più possibile l’assunzione. La reazione del fisico dipende da ogni individuo, come continuo a ripetere nel blog ognuno di noi deve imparare gradualmente a capire le reazioni del proprio fisico. Le liste alimentari non sono tutte uguali, negli anni si sono modificate e si passa da liste molto restrittive a liste fin troppo permissive. Quella che utilizziamo per preparare le nostre ricette è stata fornita direttamente dalla Lofarma che produce il vaccino desensibilizzante Tio Nichel e da medici competenti in materia che da anni affrontano il problema.
      Secondo tale lista le uova, i salumi (eccetto il prosciutto cotto) e il vino sono concessi, per questo sono stati utilizzati nella ricetta. Inoltre vorrei precisare anche che ci sono alimenti che possono essere assunti con moderazione nei soggetti che hanno un allergia più leggera. Tutti gli alimenti di cui parlo sono chiaramente indicati ed elencati nel blog. Vogliamo essere chiari e diretti, abbiamo pubblicato tutte le liste alimentari che usiamo e da quelle non ci scostiamo. Se ci sono alimenti dubbi o che potrebbero dare problemi viene indicato nel post. Questo blog vuole solo essere un aiuto per chi non sa come gestire la propria allergia.

      1. Cara Elena, le critiche costruttive sono ben accette, quelle fatte giusto per il gusto di infastidire no. Sappiamo benissimo qual’è la differenza tra intolleranza e allergia, il blog è a solo scopo informativo e non pubblicizza nulla.

I commenti sono chiusi.