passatelli

Passatelli speck e rucola

Chi ha detto che i passatelli si mangino solo in brodo? I passatelli speck e rucola sono una buonissima alternativa asciutta!!

Passatelli speck e rucola

Ingredienti per 2 persone:

  • 2 uova
  • 100 gr parmigiano da grattugiare
  • 100 gr pane grattugiato
  • noce moscata
  • 75 ml panna fresca
  • 1 fetta speck alta 5 mm
  • rucola
  • mezza cipolla
  • olio extravergine d’oliva
  • sale

Per preparare i passatelli, seguire la ricetta https://blog.giallozafferano.it/cucinaperamore/passatelli-in-brodo/.

Per preparare il condimento: tritare al coltello la cipolla e metterla a soffriggere con un filo d’olio in una padella capiente a fuoco medio. Tagliare lo speck a striscioline e buttarlo in padella con la cipolla prima che questa diventi ben dorata. Far rosolare per qualche minuto e aggiungere la panna fresca. Spegnere il fuoco quando la panna arriverà a bollore.

Cuocere i passatelli in acqua salata e riportare a bollore la panna. Tirare fuori i passatelli con una schiumarola e buttarli in padella, facendo ritirare la panna.

Servire e aggiungere la rucola sminuzzata al coltello direttamente nel piatto.

Buon appetito!

Passatelli in brodo

Cosa c’è di meglio di un bel piatto di passatelli in brodo con questo freddo?

I passatelli sono dei “bigoli” di pasta all’uovo tipici di alcune regioni del Centro Italia, come Umbria ed Emilia Romagna. Per me hanno un significato particolare perché sono una delle specialità di mia nonna umbra. Si possono gustare sia immersi in un buon brodo di carne o asciutti.

img_1076

Ingredienti per 2 persone:

  • 2 uova
  • 100 gr parmigiano da grattugiare
  • 100 gr pane grattugiato
  • brodo di carne
  • noce moscata
  • sale

Sgusciare e sbattere le uova, salare e aggiungere abbondante noce moscata. Aggiungere gradualmente parmigiano grattugiato e pan grattato in parti uguali alternandoli. Le dosi di parmigiano e pan grattato variano a seconda della grandezza delle uova e dalla stagionatura del parmigiano. Meno il parmigiano è stagionato, infatti, e meno asciugherà l’uovo, servendone di più. Personalmente, preferisco un parmigiano stagionato circa 16 mesi, quindi più morbido, e usarne un po’ di più. La consistenza deve essere compatta ma lavorabile, all’incirca come una pasta frolla. L’importante è che sia ben amalgamato e che non si sbricioli.

Per dare la forma ai passatelli, esiste un particolare “ferro” (che invidio tantissimo a mia nonna). In alternativa, si possono usare gli schiacciapatate a buchi larghi o una sparabiscotti con i fori larghi. Io ho la sparabiscotti.

Lavorare bene l’impasto e inserirlo nella sparabiscotti compattandolo. Portare il brodo a bollore e far uscire i passatelli buttandoli direttamente nel brodo. Far cuocere per circa 5 minuti e servire ben caldi.