Mese: Marzo 2017

Tartine con mousse di avocado e pancetta

Le tartine con mousse di avocado e pancetta sono un finger food sfizioso e particolare, perfetto come aperitivo o antipasto. La dolcezza della mousse di avocado è contrastata dal sapore deciso della pancetta. Una tartina tira l’altra!!

tartine mousse avocado e pancetta

Ingredienti per 15/16 tartine:

  • 1 rotolo di pasta sfoglia
  • 1 avocado maturo
  • 1 vasetto di yogurt bianco magro
  • 1 confezione di pancetta affumicata a cubetti
  • una punta di wasabi
  • olio
  • sale

Tagliare dei cerchietti di pasta sfoglia con un coppapasta di 8 cm di diametro. Ripiegare i bordi dei cerchi di sfoglia, bucare la parte centrale con una forchetta e infornare a 200 °C per 15/20 minuti. La forma deve assomigliare a quella di un cestino. Far poi raffreddare.

Nel frattempo, tagliare l’avocado per la lunghezza e ruotare le due metà per aprire il frutto e togliere il seme centrale. E’ importante scegliere l’avocado al punto giusto di maturazione, per evitare che sia troppo amaro perché non ancora maturo (e quindi immangiabile!!). Scavare la polpa con un cucchiaio e metterla nel robot insieme al vasetto di yogurt bianco magro, un pizzico di sale e una punta di wasabi. Mixare il tutto fino ad ottenere una mousse, aggiungendo olio a filo durante il mixaggio. La quantità di wasabi è molto a piacere (può essere anche omesso). Personalmente preferisco che se ne senta il sapore fresco ma non la piccantezza. Vi consiglio di provare con piccole quantità crescenti e assaggiare di volta in volta per non eccedere.

In una padella calda rosolare la pancetta fino ad avere dei cubetti croccanti e togliere dal fuoco.

Comporre ora la tartina: prendere un disco di sfoglia, aggiungere circa un cucchiaio scarso di mousse all’avocado (per evitare di mettere troppa mousse e che quindi ne risulti troppo stucchevole la dolcezza) e guarnire con i cubetti di pancetta.

Buon appetito!

Riso venere con salmone e sesamo

Il riso venere con salmone e sesamo è un piatto salutare, gustoso e semplice da realizzare. E’ un ottima ricetta da portare come pranzo in ufficio perché non appesantisce ed è una buonissima alternativa alla solita insalata o al solito panino.

riso venere salmone

Ingredienti per 2 persone:

  • 150 gr di riso venere
  • 200 gr salmone fresco
  • sesamo
  • semi di papavero
  • olio extravergine di oliva
  • sale

Portare a bollore l’acqua e aggiungere il sale. Quando l’acqua inizia a bollire, cuocere il riso venere (circa 17-18 minuti di tempo).

Togliere al salmone la pelle (è abbastanza semplice) con un coltello e la lisca centrale. Per questa ricetta, preferisco prendere la coda perché ha meno lische ed è più semplice da sfilettare. Tagliare i filetti di salmone ottenuti a dadini.

Mettere l’olio in padella e accendere il fuoco. Quando la padella sarà calda, aggiungere il salmone e farlo rosolare senza cuocerlo troppo. I dadini devono essere cotti all’esterno ma leggermente crudi all’interno. Salare a piacere.

Per evitare il rischio di Anisakis, congelo sempre il salmone per almeno 96 ore nel freezer a 4 stelle. In caso vogliate usare il salmone appena comprato, accertatevi che sia stato sottoposto a trattamento termico (le pescherie hanno sempre cartelli a riguardo) e che sia già eviscerato. Altra cosa importante è, nel caso vogliate congelarlo, controllare le stelle del vostro freezer, perché non tutti i tipi di freezer sono adeguati al congelamento per il consumo di pesce crudo (è possibile trovare tutte le direttive sul sito del Ministero della Salute). Quindi, se non siete sicuri che il vostro salmone sia “sicuro”, cuocerlo bene anche all’interno.

Tostare il sesamo e i semi di papavero in una padella e spegnere il fuoco quando i semi saranno imbruniti.

Quando il riso è pronto, scolarlo e metterlo nel coppapasta, aggiungere il salmone e spolverare i semi di sesamo e di papavero sopra prima di togliere il coppapasta. Godetevi il vostro sformato di riso venere con salmone e sesamo e…

…buon appetito!

 

Linguine al tonno

Le linguine al tonno sono un primo piatto semplice e gustoso se preparato con i giusti trucchetti.

linguine al tonno

Ingredienti per 4 persone:

  • 500 gr linguine
  • una noce di burro salato
  • 160 gr di tonno in scatola
  • 1 alice sott’olio
  • prezzemolo

Mettere sul fuoco l’acqua per cuocere la pasta e salare quando arriva a bollore.

Sciogliere la noce di burro in una padella e una volta sciolta completamente aggiungere l’alice sott’olio. Far sciogliere l’alice e aggiungere il tonno (scolatelo prima per bene se si tratta di tonno sott’olio). Lasciare due minuti circa sul fuoco. Spegnere il fuoco.

Cuocere la pasta e scolarla lasciando un po’ di acqua di cottura. Mettere la pasta con l’acqua di cottura in padella e riaccendere il fuoco, facendo mantecare per bene. Aggiungere il prezzemolo tritato a coltello direttamente sul piatto.

I segreti per rendere questa ricetta gustosa sono pochi, uno dei quali è usare ingredienti di ottima qualità. Scegliete una buona pasta e un buon tonno saporito per prima cosa. Un altro segreto consiste nell’essere abbastanza generosi con il burro per evitare che la pasta si secchi.

Il prezzemolo tritato al coltello mantiene di più il suo sapore e ancora di più se i pezzi non sono tanto piccoli. Personalmente, del prezzemolo mi piace usare anche parte del gambo che solitamente invece viene scartato.

Buon appetito

Panna cotta con salsa di fragole

La panna cotta è il dolce che conclude il pasto per eccellenza e viene spesso accompagnato da topping alle fragole, ai frutti di bosco, al cioccolato o al caramello. Per la ricetta della salsa di fragole, potete seguire quella della coulis di fragole e zenzero: https://blog.giallozafferano.it/cucinaperamore/riduzione-di-fragole-e-zenzero/

Ingredienti per 6 pirottini:

  • 250 ml panna liquida fresca per dolci
  • 100 ml di latte
  • 50 gr zucchero
  • 6 gr fogli di gelatina (colla di pesce)
  • 1 bustina di vanillina

Mettere a bagno la colla di pesce in acqua fredda per circa 10 minuti e nel frattempo scaldare a fuoco lento (non a bollore) il latte in un pentolino.

In un altro pentolino, mettere la panna e aggiungere lo zucchero e la bustina di vanillina. Scaldare fino a bollore a fuoco basso, mescolando spesso con una frusta.

Quando la colla di pesce si sarà ammorbidita, tirarla fuori dall’acqua, strizzarla bene e metterla a sciogliere nel latte riscaldato mescolando.

Quando la panna con zucchero e vanillina sarà arrivata a bollore, aggiungere il latte con la colla di pesce e mescolare bene.

Preparare i pirottini e versare dentro il composto. Io uso dei pirottini di silicone, ma non è sempre facile togliere i dessert da questo tipo di stampini. Per chi non è molto pratico, consiglio i classici in alluminio, che sono più larghi sul fondo.

Lasciar raffreddare un po’ prima di mettere le formine in frigorifero per almeno 4 ore prima di servire.

Per chi come me è goloso di panna cotta, ma è poco tollerante al lattosio, può provare le tante varianti di panna e latte ad alta digeribilità, il risultato è comunque garantito.

Tirare fuori la panna cotta dallo stampino, aggiungere la salsa di fragole (o qualsiasi altra salsa si preferisce) sopra e servire.

Buon appetito!