Mese: Gennaio 2017

Pancakes americani

Un anno fa eravamo in pieno viaggio negli States, esattamente nella tappa di Chicago, dopo cinque giorni a New York. Ed è proprio a Chicago che per la prima volta la nostra colazione ha avuto il sapore dei pancakes. Ho scovato questa ricetta in un libro e l’ho riadattata un po’. Il risultato è quello nella foto!

12725052_1000077440067578_1138719233_n

https://www.instagram.com/p/BCUtfXmM-_R

Solitamente l’impasto mi basta per circa 16/18 pancakes. Essendo impossibile finirli in due, congelo i pancakes in un sacchetto richiudibile nel freezer e quando li voglio mangiare li metto nel tostapane congelati per circa 4/5 minuti e sono come appena fatti. L’importante è farli raffreddare evitando di metterli sovrapposti prima di metterli nel sacchetto.

Ingredienti:

  • 190 gr di farina 00 setacciata
  • 190 gr di farina manitoba setacciata
  • 1 bustina di lievito vanigliato
  • 2 uova
  • 1 cucchiaino colmo di sale
  • 1 cucchiaio colmo di zucchero
  • 470 ml di latte
  • 50 gr di burro
  • sciroppo d’acero (per accompagnare)

Mentre mettete a sciogliere il burro, unire la farina 00, la manitoba, lo zucchero, il sale e il lievito in una terrina e mescolare. Aggiungere poi le uova, il latte e il burro fuso mescolando con una frusta. Quando l’impasto è ben amalgamato è pronto per la cottura. Io uso una comunissima padella antiaderente che mi permette di evitare di aggiungere altri grassi. Se temete che i vostri pancakes possano attaccarsi, mettete poco burro nella padella e fatelo sciogliere. Muovete la padella in modo che il burro si sparga per bene e buttate l’eccesso (l’impasto contiene già abbastanza grasso). Prendete mezzo mestolo di impasto e mettetelo sulla padella a fuoco medio. Quando la frittella si staccherà facilmente dal fondo, o comunque dopo un paio di minuti, giratela e fatela cuocere anche dall’altra parte.

Il colore che i pancakes devono assumere è sul marroncino con il bordo più chiaro. I pancakes sono pronti da mangiare e da accompagnare con dello sciroppo d’acero. Negli States vi offriranno sempre i pancakes con sciroppo e un cubetto di burro sopra (che si scioglierà con il calore), ma spesso il nostro stomaco da italiani lo tollera un po’ poco. Come vi ho già detto sopra, se non li mangiate subito, fateli raffreddare larghi (solitamente uso la teglia da forno) per poi metterli in un sacchetto pronti per essere congelati e scongelati poi all’occorrenza.

Nuovo anno, nuovo blog

Iniziamo un nuovo anno con una nuova idea: un blog di cucina. I perché sono molteplici: mi piace assaggiare, mi piace provare, amo la cucina straniera e cercare di riprodurla a casa mia, mi piace condividere…Quindi, perché non provare? 😉