Crea sito

Come cucinare i gambi di carciofo

Come cucinare i gambi di carciofo. Ricette per preparare i gambi di carciofo, la parte che spesso e volentieri si butta via perchè si pensa che sia dura invece, puliti per bene, i gambi sono deliziosi per preparare piatti come frittate o risotti oppure vellutate da mangiare con crostini di pane.
Se vuoi vedere COME PULIRE I CARCIOFI SENZA ANNERIRTI LE MANI clicca quì e trovi il tutorial
Vieni a scoprire il modo migliore per pulire i gambi di carciofo, ti spiego tutto passo per passo è facilissimo.
Andiamo insieme in cucina e poi…Tutti a tavola con Cinzia.

SEGUIMI ANCHE SU INSTAGRAM, NE VEDRAI DELLE BELLE, MI TROVI CLICCANDO QUI’

  • DifficoltàMolto facile
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione20 Minuti
  • Tempo di riposo30 Minuti
  • Tempo di cottura20 Minuti
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • carciofi interi compresi i gambi
  • 1limone

Scopriamo insieme come cucinare i gambi di carciofo

Ricorda sempre quando pulisci i carciofi di passare tra le mani il limone per evitare che ti diventino nere quando li pulisci.
  1. Per prima cosa versa in una ciotola dell’acqua e spremi il succo di mezzo limone, ci servirà per immergere i gambi che così rimarranno bianchi.

    Passa l’altra metà del limone tra le mani.

  2. Come cucinare i gambi di carciofo pass

    Taglia il carciofo all’altezza che ti serve per le tue ricette, io ho tagliato per ottenere tutto il gambo intero.

  3. Elimina la parte terminale se è nera o rovinata.

  4. Pela il gambo di carciofo eliminando tutta la parte fibrosa e tenendo solo la parte più bianca centrale e più tenera, a me piace usare solo quella per le mie ricette perchè è tenera.

  5. Taglia il cuore dei gambi a rondelle e mettili a bagno nell’ acqua con il limone, lasciali in ammollo una mezz’ora.

    Risciacquali e mettili a bollire in pentola con acqua già al bollore ed un pizzico di sale e cuoci per una ventina di minuti finché diventeranno teneri.

  6. Se sono molto teneri puoi usarli direttamente senza prima farli bollire.

    A questo punto potrai usarli per cucinare un risotto, una frittata, una buona vellutata, puoi farne frittelle oppure aggiungere ad una torta salata…buon appetito!!!

I miei consigli

Se vuoi conservarli dopo averli fatti bollire asciugali e lasciali raffreddare poi mettili in sacchetti per alimenti e congela.

4,2 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.