Stuzzichini di polenta

Deliziosi stuzzichini fatti con della polenta avanzata, fatta indurire su una spianatoia rivestita di carta da forno e poi tagliata con delle formine da biscotto. Gli abbinamenti che si possono fare con la polenta sono tantissimi, il suo sapore neutro e delicato si sposa bene con salumi, pesce, carne e verdure, quindi largo alla fantasia! Gli stuzzichini di polenta possono essere un buon fingerfood per aperitivi o apericene, delicati antipasti per cene o pranzi informali, se farciti con salumi, o anche per occasioni eleganti, basta farcirli con creme e mousse delicate.

stuzzichini di polenta ricetta nella cucina di Martina

Stuzzichini di polenta

Ingredienti
Polenta avanzata
Prosciutto cotto
Philadelphia
Olive nere snocciolate

Procedimento
Quando preparate la polenta ricordatevi di stenderla su una superficie piana, come una teglia da forno coperta con l’apposita carta.

Scegliete uno stampino a piacere e create le forme con la polenta. Fate lo stesso con il prosciutto cotto.
Disponete su ogni forma di polenta un po’ di Philadelphia, adagiateci sopra il prosciutto cotto e coprite con un altra formina di polenta. Unite il tutto con uno stuzzicadenti. Completate con un’oliva sulla cima.
Proseguite così fino a terminare gli ingredienti.

 

I miei consigli: potete utilizzare anche della polenta congelata. Ricordatevi solo di farla scongelare completamente e, prima di creare i vostri stuzzichini di polenta, passatela in forno, in modo da non avere degli antipasti acquosi.

Consiglio di cottura sulla polenta: contrariamente a come facevano le nostre nonne, vi consiglio di mettere la farina di mais in acqua fredda e salata e iniziare la cottura da freddo, vedrete che così non si formeranno più i tanto odiosi grumi.

Curiosità: la polenta (nella mia regione, le Marche, viene chiamata pulenta) è un piatto della tradizione povera e contadina della nostra nazione. In origine veniva cucinata con farine di cereali, successivamente, con la scoperta dell’America, si è cominciata a cucinare con la farina di mais, importata proprio dal nuovo continente. Il colore giallo acceso deriva proprio dall’utilizzo di questo ingrediente. Prima di allora, il colore della polenta era molto scuro perchè veniva spesso utilizzata farina di farro e di segale.

Seguimi su facebook, ti aspetto!

Precedente Tartufini di plum cake Successivo Bresaola con stracchino

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.