Crea sito

Sgombro al forno con pesto ligure


Lo sgombro….che bontà! e che bello avere un pesce simile, specialmente in tempi di crisi!

Costa pochissimo ed è pieno di grassi nobili che aiutano il nostro corpo a contrastare il colesterolo!
Questa è una ricetta che faccio almeno una volta alla settimana e che riscuote il consenso dei miei cari. E’ semplicissima, quindi anche piacevole da proporre…Insomma, da provare!
Ricetta per 4 persone
1, 5 kili di sgombri meglio se grossi
3 spicchi di aglio
3 cucchiai di aceto di mele
sale
1 vasetto di pesto ligure fresco
(sarebbe meglio se fatto in casa)
Si prendono i pesci, si lavano in acqua salata, si tagliano nella pancia e si estraggono le interiora.
Si lava anche l’interno sempre con la stessa acqua salata e si sistemano in una teglia antiaderente, foderata di carta forno.
Si salano, si aggiunge l’aglio tagliato a rondelle, i tre cucchiai di aceto e si chiude il tegame con altra carta forno.
Si inforna a 250 gradi per mezz’ora.
Una volta cotto il pesce, togliere la testa e la pelle compresa di pinne e ricavarne dei filetti da sistemare su un piatto da portata.
Condire con il pesto.
Di solito accompagno questo piatto con delle patate bollite o con insalata.

Spaghetti allo sgombro


Pubblicato da martina

Blog manager per la piattaforma blog Giallozafferano ( Gialloblog) e blogger per hobby. Nel mio blog racconto di me attraverso le ricette che mi piace cucinare... per tutto il resto c'è facebook!

12 Risposte a “Sgombro al forno con pesto ligure”

  1. Ho aperto il neonato blog ed ho trovato il pranzo pronto!!! Lo sgombro è ricco di Omega3 e lo trovo fresco facilmente!! Con il pesto poi!! Baci marty

  2. Buono! E poi lo sgombro fa tanto bene! Eppure non è facile trovare delle ricettine sfiziose come questa per cucinarlo, quindi…bravissima! 😀

  3. Molto invitante!!!!! E poi giustamente come dici tu il pesce azzurro è buonissimo e molto saporito, io lo preferisco a tanti altri.Un abbraccio!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.