Dolci tipici di carnevale, ricettario gratuito

Carnevale è il periodo più allegro dell’anno! Perché non festeggiarlo con una raccolta di ricette tipiche di questa festa?
Io sono fanese e per noi il carnevale è sacro! Lo sentiamo molto come festività e a casa mia, ogni giovedì grasso, si deve assolutamente friggere. Uno strappo alla regola ogni tanto non fa mai male, giusto? Ho quindi pensato di proporvi un ricettario gratuito sulle ricette tipiche di carnevale della mia zona.

dolci tipici di carnevale ricettario nella cucina di martina

Dolci tipici di Carnevale

Ricette:

  • Castagnole
  • Finte pesche con crema al cioccolato e mascarpone
  • Fichette del Val del Metauro
  • Fregnacce
  • Cresciole
  • Bombe di carnevale

Il carnevale ha origini molto discusse: c’è chi pensa che abbia origini romane, precisamente nei cicli saturnali (dove si venerava Saturno) dove gli schiavi erano temporaneamente libri e si festeggiava con banchetti e sacrifici agli dei. Altri pensano che abbia origini ancora più antiche, risalenti addirittura all’antica Babilonia. Per ora, comunque, sono tutti d’accordo a concordare che il carnevale più antico d’Italia è quello di Fano, la mia adorata città natale. Pensate che risale addirittura al 1347.
Vi siete mai chiesti perché si tirano i coriandoli in questa festa? Nel Medioevo e nel Rinascimento a carnevale venivano lanciati i frutti secchi del Coriandolo ricoperti da uno strato bianco.
Perché ci travestiamo? Nei saturnali romani veniva eletto il “princeps”, una sorta di caricatura della classe nobile, che aveva temporaneamente ogni potere. Era vestito con una buffa maschera con colori sgargianti: si trattava della personificazione di una divinità infera (Saturno o Plutone) che aveva il compito di custodire le anime dei defunti ma anche di proteggere le terre e i raccolti. Si pensava che queste divinità vagassero nella terra per tutto il periodo invernale e quindi, per placarle, si organizzavano feste e si facevano doni e sacrifici in loro onore facendole tornare nell’aldilà dove avrebbero favorito i raccolti della stagione estiva. Insomma, una sorta di Halloween europeo?
La parola Carnevale deriva dal latino “carnem levare”, ovvero “togliere la carne”. Secondo la dottrina cristiana, il cosiddetto Tempo di Carnevale costituisce infatti una preparazione alla Quaresima, la quale prevede l’astinenza dalle carni.

Seguimi anche su Facebook! Ti aspetto 🙂

Precedente Pizzette fritte al pomodoro, deliziosa merenda Successivo I bomboloni fritti e ripieni, ricetta a lunga lievitazione

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.