Ricetta della focaccia gialla al rosmarino

Oggi vi propongo la ricetta della focaccia gialla al rosmarino. E’ una focaccia molto saporita e profumata perchè il colore dell’impasto è dato dall’aggiunta di zafferano e di rosmarino tritato finemente. Se la consistenza del rosmarino pensate che possa darvi fastidio, potete metterlo sopra come si fa di solito. Ecco la ricetta, provata e finita in un pomeriggio da quella banda di mangioni della mia famiglia. Questa ricetta è tratta dal libro “1000 ricette di antipasti” di Emilia Valli

ricetta della focaccia gialla al rosmarino

ricetta della focaccia gialla al rosmarino

ingredienti per 6-8 persone

  • 350 g. di farina
  • 15 g. di lievito di birra fresco
  • 100 g. di margarina senza grassi idrogenati
  • acqua per l’impasto q.b.
  • 1 uovo medio
  • 1 bustina di zafferano in polvere
  • 3/4 rametti di rosmarino
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • 1 pizzico di sale

Procedimento  In una ciotola preparate un impasto di media consistenza amalgamando farina, lievito sciolto in mezzo bicchiere di acqua e un cucchiaino di zucchero. Lavoratela bene, anche sulla spianatoia e poi rimettetela nella ciotola che coprirete con della pellicola trasparente. Fate lievitare l’impasto per un paio di ore, dovrà crescere di quasi il doppio del volume. Trascorso questo tempo riprendetelo ed aggiungete l’uovo, lo zafferano sciolto in un dito di acqua tiepida, gli aghi di rosmarino ben tritati, l’olio, il burro a pezzettini piccoli e il sale. Trasferite il tutto sulla spianatoia infarinata e lavorate bene fino ad ottenere una palla liscia e bella soda. Ungete una teglia da pizza e stendeteci l’impasto, schiacciando con i polpastrelli fino ad ottenere una superficie piatta. Coprite con un panno pulito e lasciate lievitare per un’ora circa. A questo punto infornate in forno giù caldo a 250 gradi e fate cuocere per almeno 40/50 minuti. Servite calda ma è buona anche dopo qualche ora.

Precedente Insalata di gamberi alla menta Successivo Salame di cioccolato

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.