Crea sito

pangasio al limone

Da qualche anno a questa parte, il reparto del pesce dei nostri supermercati offre anche questo tipo di pesce, venduto a filetti…è sempre scongelato, perchè proviene dall’asia e quindi non va assolutamente comprato per farne scorta nel congelatore casalingo.

Si distingue per il suo basso costo, ma anche per la sua carne totalmente insapore…per questo piace a chi non ama particolarmente il pesce….

Leggevo su Wikipedia che viene venduto anche come comune pesce d’acquario…mà questa cosa mi ha fatto anche un po impressione..chissà perchè ho sempre reputato i pesci d’acquario come animali da compagnia…invece se ci pensiamo, son pappa!!!

Inoltre girando per blog ho trovato anche questo interessante e divertente articolo sul pangasio.

Ok…bando ai preamboli, vengo a me, io lo compro, non spesso ma lo compro, primo perchè non ha spine, secondo perchè è già a filetti, terzo, perchè piace a mio marito…e non è poco! Inoltre, è un pesce con pochi grassi, che fa proprio al caso della nostra dieta..l’inconveniente è che appunto perchè è quasi insapore, si presta moooooooolto ma mooooolto bene ad essere insalsato ed immaionesato! sigh!

Ieri sera a cena l’ho cucinato così:
Ingredienti per 4 persone
800 g. di filetti di Pangasio
2 limoni
olio evo
2 spicchi di aglio
sale
pepe nero
Foderare una placca con della carta da forno.
Adagiare ben larghe le fette di pangasio, aggiungere sale, pepe, gli spicchi di aglio tagliati a rondelline e mettere in forno coperto con un altro foglio di carta forno.
Far cuocere a 200 gradi per 20 minuti, togliere il foglio superiore e far cuocere per altri 10 minuti a 150 gradi.
Una volta cotto, disponete i filetti su un piatto da portata e copriteli con del limone tagliato a rondelle.
Lasciare raffreddare coprire con pellicola da cucina e tenere in frigo per almeno 2 ore.
E’ un ottimo piatto estivo, pronto per il rientro dal mare…


Pubblicato da martina

Blog manager per la piattaforma blog Giallozafferano ( Gialloblog) e blogger per hobby. Nel mio blog racconto di me attraverso le ricette che mi piace cucinare... per tutto il resto c'è facebook!

14 Risposte a “pangasio al limone”

  1. anche io l’ho conosciuto sul blog e da poco ho avuto modo di comprarlo….a me è piaciuto perchè lo puoi insaporire come più ti piace…non avendo molto sapore si presta bene:-)Annamaria

  2. l’ho preparato giusto ieri sera…non conoscendo che tipo di pesce fosse e scelto solo per la praticità del filetto e per assaggiarlo…..l’ho soffritto velocemente nel burrofino a colorarsi un po’. Grazie delle info al link, ora so che cosa mangio, :-)) ciaoo!!

  3. Noi non l’abbiamo mai nè sentito nè assaggiato…ma la tua ricetta non dev’essere niente male!! fà voglia di provarlo!!baci e buon fine settimana

  4. Ah senti, visto che ci siamo, possiamo chiederti un consiglio? per caso sai come conservare i semi di zucca per poi riutilizzarli in pani e altro??grazie mille e ancora ciao!!!

  5. è un pesce che arriva da allevamenti nel delta del mekong, si non ha un gran sapore e come la hai fatto tu, lo hai nobilizzato

  6. Ho letto quanto dite sul Pangasio….peccato però che non avete Spiegato bene quanto scritto su Wikipedia, dove il Pangasio risulta essere un pesce ad alto rischio in quanto proviene in maggior parte dal fiume Mekong, che è altamente inquinato da metalli pesanti. Tali metalli sono stati riscontrati infatti in moltissimi casi qui da noi. Come medico ho provveduto a verificare e posso confermare tutto.SalutiClaudio

  7. Ciao Claudio, infatti quanto tu dici è riportato su wikipedia ed io il link l’ho messo….sto comunque nella speranza che il nostro s.s.n. faccia il suo dovere. In televisione si sprecano a dire che il cibo che troviamo nel banco vendita è il più controllato del mondo…speriamo bene!CiaoMartina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.