Crea sito

Le Fichette della Valle del Metauro

Le fichette (il nome non me lo sono inventato eh! Esistono veramente!) sono un dolce carnevalesco di origini marchigiane. La zona che viene loro attribuita è proprio quella della valle del Metauro, ovvero la mia zona. Sicuramente di origini contadine, immagino che il nome sia dovuto alla forma che questi dolcetti prendono una volta cotti… certo che i nostri bisnonni non avevano problemi di censura 😀

La ricetta delle fichette l’ho liberamente tratta dal libro “La cucina delle Marche in 1200 ricette tradizionali” di Alessandro Molinari Pradelli”

le fichette ricetta nella cucina di Martina blog

Le fichette della Valle del Metauro

Ingredienti per circa 20 fichette

  • 500 g. di farina 00
  • 200 g. di zucchero
  • 40 g di margarina senza grassi idrogenati
  • 1/4 di latte
  • 1 uovo medio
  • 20 g. di lievito di birra
  • la scorza grattugiata di 2 limoni

per friggere

  • olio di arachidi

Procedimento

In una ciotola impastate la farina con metà zucchero, con il latte, l’uovo, la margarina sciolta ma non bollente ed il lievito di birra sbriciolato. Formate un impasto sodo  e liscio e stendetelo con un mattarello allo spessore di circa 1 cm. Ricoprite la superficie della pasta con lo zucchero restante e con la scorza del limone grattugiata, arrotolate la pasta su se stessa e formate un salamotto stretto. Ora tagliate il rotolo a fette larghe di circa un centimetro e friggeteli in padella in abbondante olio di arachidi già a temperatura idonea. Friggete 3/4 fichette per volta e una volta dorate da entrambi i lati scolateli e fateli asciugare su abbondante carta assorbente. Potete spolverizzare di zucchero se vi piace.

Pubblicato da martina

Blog manager per la piattaforma blog Giallozafferano ( Gialloblog) e blogger per hobby. Nel mio blog racconto di me attraverso le ricette che mi piace cucinare... per tutto il resto c'è facebook!

2 Risposte a “Le Fichette della Valle del Metauro”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.