Crea sito

Crescentine o Tigelle…a mano libera :)

Non ho la tigelliera…è difficile trovarla in zona e anche se riuscissi a trovarla comincio ad avere dei problemi di spazio in cucina con tutti sti arnesi che mi ritrovo…però le tigelle mi incuriosivano molto, specialmente dopo aver visto la ricetta di Giallo Zafferano. Praticamente ho provato a farle con una semplice padella antiaderente con coperchio e devo dire che non avranno i bordi perfetti ma sono veramente tanto buone!

trascrivo qui la ricetta che è comunque uguale a quella di GZ, cambia solo il modo di cottura

tigelle senza tigelliera ricetta nella cucina di martina blog

 

Tigelle a mano libera

  • 500 g. di farina 0
  • 200 g. di acqua
  • un cucchiaino di sale
  • un cucchiaino di zucchero
  • 80 g. di strutto (si può sostituire con 40 g. di olio extravergine di oliva)
  • 25 g. di lievito di birra

in una ciotola metto la farina con il sale e lo strutto. In un recipiente graduato metto 200. g di acqua tiepida, il cucchiaino di zucchero ed il lievito. Faccio sciogliere il lievito e poi aggiungo alla farina. Mescolo bene con un cucchiaio fino ad ottenere un composto omogeneo. Rovescio l’impasto in una spianatoia leggermente infarinata e lavoro con le mani fino ad ottenere una palla liscia, elastica ed omogenea.  Copro con uno strofinaccio e lascio lievitare per circa un’oretta.

A questo punto riprendo l’impasto e lo stendo ad uno spessore ci circa un centimetro. Taglio tanti cerchi con un tagliabiscotti tondo e metto i dischetti di pasta nella padella antiaderente, su fuoco alto. Copro con il coperchio, aspetto 3 minuti e giro le tigelle. Ancora 3 minuti rimettendo il coperchio e le tigelle sono pronte.

20 Risposte a “Crescentine o Tigelle…a mano libera :)”

    1. ciao frogghina, io le ho mangiate sia farcite che al posto del pane…lo strutto non credo che si possa sostituire, comunque su 500 g. di farina 90 g. di strutto non sono tantissimi secondo me 🙂

  1. Ciao sono emiliana e abito nella patria delle crescentine.
    Un consiglio: sono ottime con salumi vari. formaggi teneri, ma il top
    sono farcite con un trito di lardo con aglio. rosmarino e parmigiano grattugiato, ma mi raccomando ben calde.
    Sono ottime anche per sostituire il pane con cacciatora di pollo, coniglio o costolette di maiale.
    Buon appetito, provatele.
    La cottura ideale per le crescentine è con la tigelliera di terra refrattaria o le “cottole”
    che sono piastre di ferro da mettere sul fornello.

  2. Per essere non emiliana la tua ricettina è proprio carina. Per chi ha chiesto la ricetta con la panna, eccovi accontentate:
    per 500 g. di farina
    250ml di panna fresca
    1 cucchiaino di lievito di birra liofilizzato
    1 cucchiaino di sale fino

    Per la preparazione della ricetta è perfetto il procedimento scritto da Martina.
    Ciao da Modena, terra delle crescentine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.