Antipasto di salmone, insalata con feta e olive

Oggi prepariamo insieme un bel antipasto di salmone!

Il salmone fresco: perchè relegare il salmone al periodo natalizio? Io lo cucino tutto l’anno e, secondo me, il periodo migliore per servirlo è proprio la primavera, quando ci si riscopre alla ricerca di colori e sapori decisi per rallegrare la tavola. E poi fateci caso, in questo periodo il salmone fresco costa anche molto di meno rispetto al periodo invernale, probabilmente perchè poco ricercato. L’antipasto al salmone che vi propongo in questo post è un piatto che, se mangiato come secondo, diventa anche compatibile con la dieta, infatti, tutto questo piatto che vedete in foto, si trasforma in un piatto unico che apporta 370 calorie a persona.

La carne del salmone, attenzione, sto parlando del salmone fresco, non di quello affumicato, è una buona fonte di omega3 quindi direi che val la pena di provare qualche ricettina nuova per servirlo ai nostri commensali più spesso che possiamo!

Antipasto di salmone ricetta di pesce

Questo antipasto è nato da un’esigenza di riciclo, infatti, come saprete, sono a dieta e sto facendo la lista della spesa giornaliera in base a quello che mangio io. Visti i tempi di crisi, non è il caso di mandare a male gli ingredienti che avanzano dai miei piatti ipocalorici, quindi mio marito diventa il fortunato utente finale di vari pranzetti assemblati con quello che avanza a me. Infatti spesso mi dice che, da quando sono a dieta, lui mangia molto meglio! Capito? Me lo dice anche!  ok, basta chiacchiere, passiamo alla ricetta che, se è piaciuta a lui, vuol dire che è buona veramente!

Antipasto di salmone

Ingredienti per 2 persone

  • 200 g. di salmone fresco (un filetto)
  • 50 g. di feta
  • 30 g. di olive verdi denocciolate
  • sale q.b.
  • pepe q.b.
  • aceto di mele q.b.
  • olio extravergine di oliva q.b.

Procedimento

In un pentolino, portate a bollore un po’ d’acqua salata e, non appena bolle, immergeteci il filetto di salmone così come ve lo ha dato il pescivendolo, non toglietegli ne la pelle ne le eventuali lische. Cuocetelo per almeno 8 minuti, dipende anche da quanto è spesso il filetto. Una volta che sarà pronto, scolatelo e mettetelo a raffreddare in un piatto. A questo punto togliete la pelle e le lische. Rompete il salmone con le mani per ricavarne pezzi grossolani. Spostate il salmone in una pirofila da portata, disponetelo in modo da ricavarne uno strato uniforme. Tagliate la feta a cubettini sottili, tagliate le olive a rondelle e sistematele sul salmone insieme alla feta. Condite con aceto, sale, pepe e olio extravergine di oliva a vostro piacimento.

Seguiteci anche su Facebook!

 
Precedente Terza settimana di dieta, meno 4 kg Successivo Dieta: quarta settimana, poteva andare meglio ma devo anche lavorare!

Lascia un commento