PANE COTTO IN PENTOLA

Print Friendly, PDF & Email

Il pane si può fare in mille modi, oggi ve ne voglio far vedere uno…  il pane cotto in pentola. Verrà fuori un pane fragrante, croccante e ben alveolato al suo interno. Prepararlo non è difficile, vi metto comunque le foto dei passaggi più salienti così da capire meglio. Io ho utilizzato un mix di farina bianca e integrale, ma voi potrete utilizzare anche solo una di queste due, a seconda dei gusti. L’importante per la riuscita è utilizzare una buona pentola in acciaio pesante, o meglio ancora in ghisa, dotata di coperchio e che abbia manici e pomello adatti alla cottura in forno.

 

pane cotto in pentola - nella cucina di laura

 

 

INGREDIENTI:

– 300 gr di farina 0

– 100 gr di farina integrale

– 300 ml di acqua

– 90 gr di lievito madre rinfrescato o 9 gr di lievito di birra

– 1 cucchiaino di zucchero

– 15 gr di sale

 

In una ciotola versate le due farine con 120 ml di acqua, mescolate per far assorbire i liquidi. Si formeranno delle grosse briciole. Coprite la ciotola con della pellicola e lasciate riposare per mezz’ora, così facendo la farina si reidraterà.

In una seconda ciotola trascorso il tempo di riposo, versate l’acqua rimasta, lo zucchero e il lievito  e scioglietelo.

Nel vaso della planetaria versate la farina idratata, il lievito ed iniziate ad impastare. Aggiungete anche il sale. Lavorate con il gancio ad uncino per circa 10 minuti, dovrete ottenere un impasto elastico che rimarrà comunque morbido ed appiccicoso. Coprite la ciotola con della pellicola e mettete l’impasto a lievitare in frigo per 24 ore.

Dopo la lievitazione l’impasto sarà raddoppiato di volume. Spolverate un piano di lavoro con abbondante farina e rovesciatevi l’impasto. Con le mani allargatelo delicatamente dandogli una forma semi rettangolare, poi procedete con le pieghe. Chiudete la parte sinistra verso il centro, po la destra verso il centro. Successivamente fate lo stesso con il lembo superiore e inferiore. 

 

pane cotto in pentola - nella cucina di laura

 

 

Coprite la palla di impasto con la ciotola messa a cupola e lasciate riposare per mezz’ora.

Rivestite una seconda ciotola con un canovaccio e spolveratelo con della farina di semola.

Trascorsa la mezz’ora di riposo scoperchiate l’impasto e date altre pieghe: prendete un lembo e portatelo verso il centro, poi un altro lembo e chiudetelo verso il centro… fate così fino a utilizzare tutta la circonferenza. 

 

pane cotto in pentola - nella cucina di laura

 

Adagiate l’impasto all’interno del canovaccio con le pieghe rivolte verso il basso, coprite con il canovaccio stesso e lasciate riposare ancora un’ora.

 

pane cotto in pentola - nella cucina di laura

 

 

Nel frattempo scaldate il forno a 240°C e mezz’ora prima del termine del riposo dell’impasto mettete all’interno del forno caldo la pentola  in cui cuocerete il pane. Mettetela senza coperchio, si dovrà scaldare bene. Dovrà avere una dimensione di 22 – 24 centimetri.

Trascorso il tempo di riposo estraete la pentola dal forno e con colpo deciso rovesciate al suo interno la pagnotta. Fate attenzione a non briociavi perchè la pentola è rovente.

 

pane cotto in pentola - nella cucina di laura

 

Coprite con il coperchio e cuocete a 240°C per 5 minuti, po abbassate a 220°C per circa 1 ora e mezzo – 2 ore, dipende dal forno. Controllate comunque la cottura, dovrà risultare dorato e croccante.

Una volta cotto lasciatelo freddare su di una griglia prima di tagliarlo.

 

pane cotto in pentola - nella cucina di laura

pane cotto in pentola - nella cucina di laura

 

Per realizzare questa ricetta ho utilizzato:

– pentola ovale Le Creuset

 

Seguimi anche su Facebook, clicca mi piace alla pagina e resteremo in contatto! Inoltre iscrivendovi al  canale YouTube  resterete aggiornati anche sulle nuove video ricette! Ci conto!! :)

Share this nice post:
Precedente FRITTATA AL FORNO CON COTTO E PISELLI, SOFFICE E MORBIDA Successivo CIOCCOLATINI AL COCCO TIPO BOUNTY

Lascia un commento


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.