PAN DEI SANTI A LIEVITAZIONE NATURALE

Print Friendly, PDF & Email
 
Il Pan dei Santi a lievitazione naturale è un pane dolce tipico toscano che si prepara nel periodo della festa dei Santi. E’ un pane ricco in quanto al suo interno si trovano noci e uvetta anche se alla base vi è comunque la pasta del pane. Lo zucchero e la frutta secco lo rendono goloso e saporito e di solito si mangia sia come dolce di fine pasto che come merenda o colazione.
 
Io ho utilizzato il lievito madre ma se voi vorrete potete usare anche quello di birra, sotto vi do le dosi, si ridurranno solo i tempi di lievitazione, poi il procedimento è lo stesso. Per quanto riguarda invece la farina io ne ho utilizzate di due tipi, se voi non le avete potete utilizzare o tutta la quantità di sola farina 0 (500 gr) o sostituire quella macinata a pietra tipo 2 con quella integrale.
 
 
 
 
pan dei santi - nella cucina di laura
 
 
 
 
INGREDIENTI:
 
– 450 di farina 0
– 150 gr di farina macinata a pietra tipo 2
– 180 gr di lievito madre (o 25 gr di lievito di birra)
– 150 ml di acqua
– 100 ml di latte
– 70 gr di burro
– 150 gr di zucchero
– 250 gr di uvetta
– 200 gr di gherigli di noci  
– 1 pizzico di sale
 
 
Sciacquate l’uvetta sotto acqua corrente, poi mettetela in ammollo in acqua per circa mezz’ora.
 
In un pentolino mettete il burro e fatelo sciogliere, poi lasciatelo intiepidire.
 
Nel vaso della planetaria versate l’acqua e il latte ed unitevi lo zucchero ed il lievito. Sciogliete il tutto molto bene.
 
Aggiungete le due farine ed iniziate a lavorare con la foglia, quando la farina inizierà ad inglobare i liquidi unite il burro fuso intiepidito e il pizzico di sale. Impastate fino a quando non si sarà formata una palla attorno alla foglia. Sostituite la foglia con il gancio e lavorate fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo.
 
Scolate l’uvetta dall’acqua di ammollo e tamponatela con della carta assorbente. Mettete l’uvetta e le noci all’interno della planetaria insieme al composto ottenuto e lavorate ancora alcuni minuti in modo da far inglobare il tutto.
 
Spolverate  il piano di lavoro con della farina, rovesciatevi l’impasto e lavoratelo ancora un pò a mano in modo che si amalgami bene. Dovrà risultare morbido ma non appiccicoso. Mettetelo all’interno di una ciotola e copritelo con della pellicola da cucina. Lasciate lievitare fino al raddoppio del volume, circa 4 – 8 ore con il lievito madre 2 – 3 ore con quello di birra. Può darsi che ci metta un pò di più a lievitare rispetto agli impasti tradizionali in quando essendo arricchito dalla frutta secca rimane più peso.
 
Trascorso il tempo di lievitazione riprendete l’impasto e dividetelo in due parti. Lavorate ogni parte sul piano di lavoro leggermente infarinato e dategli una forma rotonda. Ricoprite una teglia con carta forno e poggiatevi i due pani distanziandoli tra loro. Copriteli con un canovaccio leggermente umido e lasciate riposare ancora in modo da fargli fare una seconda lievitazione, 2 -3 ore con il lievito madre 1 – 2 ore con quello di birra, dovranno comunque raddoppiare di nuovo di volume.
 
Quando il pane è pronto prima di inserirlo nel forno spruzzatelo con dell’acqua e spolveratelo con dello zucchero. Cuocetelo in forno preriscaldato statico a 200° per circa 50 -60 minuti. La superficie si dovrà scurire, controllate comunque la cottura. Quando è cotto poggiateli su di una griglia a raffreddare prima di mangiarlo. 
 
 
 
 
pan dei santi a lievitazione naturale - nella cucina di laura
 
 
 
 
 
Per realizzare questa ricetta ho utilizzato:
– farina macinata a pietra tipo 2 Antiqua
 
 
 
Seguimi anche su Facebook, clicca mi piace alla pagina e resteremo in contatto! Inoltre iscrivendovi al  canale YouTube  resterete aggiornati anche sulle nuove video ricette! Ci conto!!
 
images
youtube-logo
 
 

Share this nice post:
Precedente MINESTRA DI PANE TOSCANA Successivo POMODORINI RIPIENI DI MOUSSE TONNO E UOVO

4 commenti su “PAN DEI SANTI A LIEVITAZIONE NATURALE

  1. Ciao Laura….mi ispira da matti questo pane dolce; per le mie colazioni autunnali è adattissimo! Un dubbio su un ingrediente; e se io non avessi la farina macinata a pietra?
    Grazie, lucia.

Lascia un commento


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.