Vellutata di zucca e funghi

In autunno mi piace preparare zuppe, minestre e vellutate di zucca.

Cerco di creare sempre piatti 100% vegan, evitando latte, panna, burro e formaggio, proprio per esaltare il gusto dolce e delizioso della zucca.

E poi adoro i funghi: tagliatelle, torte, sughi e contorni  a base di questi (per me) “re dei boschi” non possono mancare a stuzzicare l’appetito della famiglia e degli amici.

In questa occasione ho deciso di creare un goloso connubio tra questi due prodotti autunnali unendoli, ma non mescolandoli, in un cremosissima vellutata che acquista carattere grazie al sapore deciso dei funghi.

L’ideale sarebbe utilizzare funghi porcini, ma in mancanza di questi anche i funghi Portobello (che io ho utilizzato per preparare questo piatto) sono ottimi.

Ecco come realizzare questa vellutata!

  • Preparazione: 15 Minuti
  • Cottura: 30 Minuti
  • Difficoltà: Bassa
  • Porzioni: 6
  • Costo: Basso

Ingredienti

  • 400 g Zucca (gia cotta in forno)
  • 200 g Patate
  • 2 cucchiai Fiocchi di cipolla essiccati
  • 5 cucchiai Olio extravergine d'oliva
  • q.b. Sale
  • q.b. Peperoncino in polvere

Per i funghi

  • 500 g Funghi Portobello (o porcini)
  • 1 spicchio Aglio
  • 1 mazzetto Prezzemolo
  • 5 cucchiai Olio extravergine d'oliva
  • q.b. Sale
  • q.b. Foglioline di origano fresco

Preparazione

  1. La sera prima potete cuocere la zucca in forno.

    Avvolgetela, intera, in carta alluminio, posizionatela su una leccarda e fatela cuocere in forno alla massima temperatura finché la zucca risulti morbidissima e la buccia sia bruciacchiata.
    In questo modo anche la polpa della zucca acquisterà un  gradevole aroma di affumicato senza carbonizzarsi.

  2. Lasciate raffreddare la zucca, tagliatela a metà, rimuovete i filamenti ed i semi usando un cucchiaio e, sempre usando un cucchiaio, staccate la polpa dalla buccia.

    Pesatene 400 gr e lasciate l’altra in frigorifero o, se non prevedete di utilizzarla a breve, congelatela.

  3. Sbucciate le patate, tagliatele a tocchetti e fatele soffriggere nell’olio con i fiocchi di cipolla essiccata.

    Aggiungete la polpa di zucca, fate insaporire e ricoprite di acqua (circa 1 lt). Portate ad ebollizione, salate e lasciate cuocere finchè le patate siano completamente disfatte.

  4. Nel frattempo preparate la decorazione di funghi.
    Pulite i funghi Portobello e usate solo la cappella. Pulitela con un panno inumidito e non sotto acqua corrente, per evitare che diventi spugnosa ed inzuppata di acqua.

    Tagliate le cappelle a listarelle spesse circa 5 mm: i funghi si devono sentirsi belli corposi sotto i denti!

    Scaldate l’olio, unite l’aglio tritato finemente insieme alle foglie di prezzemolo precedentemete lavate e ben asciugate.

    Prima che il prezzemolo perda il suo colore verde brillante, unite i funghi e fate cuocere su fuoco alto, rigirando spesso con un cucchiao di legno. Salate e quando i funghi risulteranno asciutti unite due cucchiai di olio extravergine di oliva e togliete dal fuoco.

  5. A questo punto la zuppa di zucca e patate sarà pronta, quindi mettete da parte un po’ del liquido di cottura e riducete le verdure in una purea finissima: se volete potete anche passarla al setaccio per essere sicuri di non avere alcun pezzetto intero. Se la vellutata risultasse troppo densa, allungatela con il brodo messo da parte, se al contrario fosse troppo acquosa fate ridurre su fuoco vivace.

  6. Servite la vellutata, cosparsa con una spolverata di peperoncino in polvere, con tre cucchiai abbondanti di funghi posti al centro della scodella. Decorate con delle foglioline di origano fresco lavate ed asciugate e, se lo desiderate, accompagnate con dei crostini di pane all’aglio.

Note

Se ti piacciono le mie ricette e vuoi restare sempre aggiornato sulle nuovi pubblicazioni, iscriviti oppure  metti un like alla pagina Facebook di Cucina Italiana e Dintorni. Ti aspetto!

Precedente Crostata con pasta frolla alla ricotta Successivo Focaccia dolce con uva passa al cardamomo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.