Pesce spatola con panatura aromatica

Pesce spatola con panatura aromatica: una ricetta vincente per tutta la famiglia!

Il pesce spatola, o pesce sciabola che dir si voglia, è un pesce azzurro molto versatile, in quanto si presta ad essere cucinato in vari modi.
Le carni sono tenere e succose, e a differenza di altro pesce azzurro non tende a seccarsi troppo in cottura, per cui io lo trovo ideale anche per una cottura alla brace.
Ricco di omega 3, economico e di facile reperibilità, il pesce spatola è una valida scelta per un pranzo od una cena veloce e di semplice realizzazione.

La ricetta che vi propongo qui di seguito è molto gustosa in quanto si basa su di una cottura “jolly” ovvero la frittura… ma non vi spaventate perchè in questo caso friggiamo con poco olio e, soprattutto, con olio di oliva.

Provatelo: accompagnato da un’insalata verde o di pomodori sarà un piatto completo di cui resterete soddisfatti!

Tempo di preparazione: 10 minuti
Tempo di cottura: 10 minuti
Difficoltà: facile
Costo: economico

Ingredienti per 4 persone

800 gr di pesce spatola
150 gr di pangrattato
un mazzetto di erbe aromatiche (io ho usato origano fresco, erba cipollina, maggiorana, salvia)
un cucchiaio di capperi dissalati
una manciata di olive nere
scorza grattata molto finemente di un limone bio
olio EVO per friggere (io copro solamente il fondo della padella, non uso olio profondo)
sale e pepe q.b.

Sciabola fritto 1

Preparazione

Lavate il pesce spatola sotto acqua corrente.
Questo pesce viene venduto in tranci, quindi già pulito, però lungo la lisca centrale c’è una vescicola piena di sangue: bene, apritela e ripulitela bene per evitare che il pesce prenda una gusto amarognolo.
Asciugate il pesce e ricavate dei filetti dal vostro trancio. Eliminate tutte le lische e anche la pelle, quindi tamponate i filetti ottenuti con della carta da cucina.
Nel frattempo preparate la panatura tritando finemente le erbe aromatiche, le olive e i capperi, che aggiungerete al pangrattato e alla scorza grattata del limone.
Ungete i filetti con olio di oliva e passateli nella panatura ottenuta. Pressate bene con le mani per far aderire la panatura al pesce in modo uniforme.
Prendete una padella a bordi bassi e coprite il fondo con l’olio EVO. Quando l’olio è caldo (controllate fecendo l’ormai celeberrima “prova stecchino”) adagiate i filetti panati sul fondo della padella e fateli cuocere fintanto che non si formi una bella crosticina dorata.
Rigirateli, salateli e fate cuocere anche l’altro lato fino ad ottenere lo stesso risultato di cottura (non ci vorranno più di 7/8 minuti totali).

E buon appetito!

Sciabola fritto 2

Precedente Arrosto di tacchino farcito Successivo Polpette saporite in salsa di pizzaiola

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.