Crea sito

Risotto delicato cotto in pentola a pressione

Dopo aver pubblicato la ricetta della ciambella cotta al vapore, mi va di parlare di un’altra cottura che io faccio quasi  quotidianamente: la cottura in pentola a pressione!
Alzi la mano chi non fa uso di questa straordinaria pentola che ci permette di cuocere in tempi ridotti rispetto alle pentole noramli e soprattutto, preserva le proprietà nutritive degli alimenti che non vanno disperse.
E, tra le tante cotture che possiamo fare, c’è anche il risotto!
Sicuramente, i puristi storceranno il naso; sappiamo anche che ci sono due scuole di pensiero: quelle che dicono che il riso, va girato costantemente e quelle che sostengono che va cotto nel brodo, coperto e senza essere girato. Poi ci siamo noi , quelli che vanno di fretta, quelli che sperimentano ma che non rinunciano al gusto …
E siccome sappiamo benissimo che comunque lo si cuocia il risotto ha i suoi 18′ di cottura specie se si usa la varietà Carnaroli, vi dico che con la pentola a pressione ne bastano 5′ dal fischio!
Quindi, sono qui a postare, il risotto delicato!!
Provare per credere!
La mia, è una ricetta semplicissima, super collaudata e saporitissima; specie se mantechiamo il risotto con la provola affiumicata prima di servire.

  • DifficoltàMolto facile
  • Tempo di preparazione5 Minuti
  • Tempo di cottura5 Minuti
  • Porzioni2
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 150 gRiso Carnaroli
  • 1/4Cipolla bianca
  • 40 gProsciutto cotto (a dadini)
  • 1/2 bicchiereVino bianco
  • 400 q.b.Brodo vegetale
  • 2 cucchiaiParmigiano Reggiano DOP
  • 10 gScamorza affumicata
  • q.b.Zafferano
  • q.b.Sale fino
  • 2 cucchiaiOlio di oliva

Strumenti

  • Pentola a pressione

Preparazione

  1. – Se siete tra i pochi fortunati che hanno lo zafferano in stimmi, mettetene uno/due pistillo a macerare nel brodo caldo per almeno due ore, meglio ancora se dalla sera prima.

    – Soffriggere, direttamente nella pentola a pressione senza coperchio, la cipolla tritata nell’olio. Aggiungere il prosciutto cotto e lasciarlo rosolare ben bene per 1′ circa.

    Unire il riso, e lasciarlo tostare finchè non diventa traslucido, quindi versare il vino (non freddo di frigo mi raccomando), lasciarlo evaporare e unire il brodo caldo dove è stato diluito lo zafferano o messo a macerare i pistilli.

    – Chiudere la pentola col suo coperchio, alzare la fiamma e attendere il fischio. Abbassare la fiamma, attendere 5′ e spegnere.

    Scaricare il vapore, e controllare se è giusto di sale, mantecare col parmigiano e unire la scamorza fatta a dadini.

    Impiattare e servire.

N.B.

Se è presente ancora del liquido o il riso è ancora troppo al dente, prima di mantecare e unire la scamorza, alzate la fiamma senza coprire e in un minuto è pronto.

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.