Crea sito

Pane mille buchi con li.co.li.

Il pane bucoso … il pane tutto buchi …in qualsiasi modo lo si chiami …questo pane è straordinario!
Non facevo un Pane con la maiuscola da tanto anche perché come ho detto il pane richiede tempo e pazienza se vogliamo ottenere un prodotto degno del suo nome. Perchè poi si sa, è facile, basta mettere un panetto intero di lievito di birra e in quattro e quattrotto abbiamo pane, pizza, brioche … con conseguenze sulla digestione e sulla resa finale che lasciano molto a desiderare.
Il profumo e il sapore di questo pane ha conquistato tutta la famiglia anche perché è quasi identico a quello che qualche volta abbiamo assaggiato a Eataly  cotto nel forno a legna con un lievito anziano di 15 anni….
Ho usato una farina di ottima qualità, va detto il resto è opera del mio “licolino” che tante soddisfazioni mi regala!
La mia scelta è caduta sul pane del blog pan di pane dove ci sono un’infinita di cose buone …e non vi dico l’immensa gioia quando tagliandolo la sera, ho trovato tutti quei buchi …

  • DifficoltàMedia
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di riposo1 Giorno
  • Tempo di cottura1 Ora
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 120 gli.co.li.
  • 350 gAcqua
  • 250 gFarina tipo 1
  • 250 gFarina Manitoba
  • 1 cucchiainoMiele (o malto)
  • 8 gSale

Strumenti

  • Macchina per il pane

Preparazione

  1. Setacciare le farine e idratarle con i 300 ml di acqua, da un minimo di 40′ a 2/3 ore dipende dai vostri impegni.

    – Dopo l’autolisi, impastare tutto, eccetto il sale che va diluito in 50 g di acqua, nella macchina del pane funzione solo impasto, come ho fatto io, o con la planetaria. Quando inizia a prendere corda, aggiungere gradualmente l’acqua col sale e finire d’impastare. Non ci vorranno più di 10′.

    – Mettere l’impasto in una ciotola coperto per 3 ore e in questo lasso di tempo fare delle semplici pieghe in ciotola* ogni 45′ ca per dargli forza e farlo asciugare.

    – Alla fine fare una semplice piega a 3 e pirlare leggermente.

    – Riporre l’impasto in un cesto per il pane o in alternativa, nello scolapasta foderato con un canovaccio pulito e ben infarinato con la semola. Lasciar maturare l’impasto per 18 ore ca. in frigo.

    – Fuori dal frigo, lasciare acclimatare per 2/3 ore.

    – Accendere il forno a 240°C con la teglia su cui poggeremo il pane e un pentolino vuoto.

    – Ribaltare con un gesto deciso l’impasto sulla teglia rovente, praticare dei tagli  e infornare, mettendo anche dell’acqua nel pentolino vuoto, creando così del vapore.

    – Cuocere per un’ora circa, abbassando la T. nella prima mezz’ora gradualmente fino a portarla a 200°C.

    – Cuocere gli ultimi 10′ col forno in fessura.

    Il pane può dirsi pronto, quando “bussando” sotto si sentirà il vuoto.

    – Lasciarlo raffreddare in posizione verticale.

Note:

*cambiando le farine, l’alveolatura cambia, per cui il pane viene buono ugualmente, non c’è dubbio, ma non ha gli stessi buchi.

*Pieghe in ciotola: Tirare delicatamente un lembo di pasta, e riportarlo al centro, quindi prendere l’angolo che si è formato, tirare delicatamente e portare al centro; così fino a completare il giro.

Sul blog di Pan di pane ci sono foto e video esplicativi.

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.