Pane integrale mele e noci

Il pane integrale mele e noci, è perfetto per accompagnare i salumi, i formaggi ed è startosferico spalmato di crema gianduia o marmellate. Insomma un perfetto companatico, tipico dei paesi nord europei dove quasi sempre i pani sono conditi da semi oleosi o frutta secca. Durante il mio ultimo viaggio in Belgio, per esempio, mi è capitato di trovare la mattina a colazione tante varietà di pane nero o integrale con uvetta, noci o mele; e quindi ho provato a replicarlo a casa.
Del resto, siccome mi piace fare il pane in casa, vedere come acqua farina e lievito si trasformano in un prodotto sempre speciale, questa volta ho utilizzato il mio li.co.li. per poter sfornare il pane integrale mele e noci.
Leggi anche:
pane alle noci
Il pane senza impasto cotto in pentola
pane ai cereali
Il pane mille buchi
pane integrale con semi e licoli


Pane integrale mele e noci
Pane integrale mele e noci
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione15 Minuti
  • Tempo di riposo12 Ore
  • Tempo di cottura40 Minuti
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti

100 g farina integrale
80 g lievito madre liquido
300 g farina 0
40 g mele disidratate
50 g noci
280 g acqua
9 g sale fino

Strumenti

1 Planetaria
1 Cestino di lievitazione
1 Pentola in ghisa smaltata

Passaggi

– Setacciare le farine, riunirle nella ciotola dell’impastatrice e versare l’acqua. Autolisi di almeno un’ora o più se vi necessita.

– Trascorso il tempo, aggiungere il lievito liquido e avviare la macchina. Dopo una decina di minuti, unire il sale, le noci spezzettate e le fettine di mela essiccate (fatte a pezzetti grossolani).

– Trasferire l’impasto sulla spianatoia leggermente infarinata e dare due pieghe di rinforzo a fazzoletto a distanza di mezz’ora tra la prima e la seconda.
– Pirlare leggermente, e adagiarlo nel cesto di lievitazione coperto con un canovaccio ben insemolato. Cospargere di semola anche la superficie, coprire e passare in frigo tutta la notte o comunque per circa 12 ore.

– Al mattino, tirare fuori il cestino dal frigorifero e attendere che finisca la lievitazione acclimatandosi a t.a.

Cottura:

– Accendere il forno a 240°C con la pentola in ghisa o coccio col coperchio e
quando è a temperatura, rovesciare il pane su un foglio di carta forno, praticare un taglio non troppo profondo e spostare in pentola coprendo col coperchio.
– Cuocere per un’ora circa.
– Dopo la prima mezz’ora, togliere il coperchio, sfilare il foglio di cartaforno e abbassare la temperatura del forno a 220°C.
– 15′ prima della fine della cottura, cuocere a spiffero (con una pallina di stagnola o il manico del cucchiaio di legno che mantenga leggermente aperto lo sportello).

– Far raffreddare in piedi il pane.

Consigli:

– Per capire se il pane è pronto per essere infornato, bisogna pigiare delicatamente sul bordo della pasta; se l’impronta sparisce, è ora di infornare.

– Un altro metodo è quello di osservare il cestino lateralmente; se fuoriesce una leggera cupola, è pronto

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.