Crea sito

La colomba con li.co.li.

La regina dei dolci pasquali è sicuramente la colomba, e io da brava ‘impastatrice seriale’ non riesco a tirarmi indietro.
Ormai sono diversi anni in verità, come ho avuto già modo di dire qui, che a casa i prodotti industriali o artigianali, non entrano più… preferisco fare da me.. e non perché in commercio non ci siano prodotti validi, anzi, è solo la mia passione che mi spinge a creare, provare e proporre.
La preparazione della colomba è come quella del panettone o della veneziana  lunga, specie se fatta con lievito naturale, però alla fine il risultato, il profumo e i sapori, ripagano ampiamente.
In giro sul web ci sono quindi tante versioni, con lievito di birra, a lievitazione mista ecc.. e negli anni ne ho provate tante, ma la migliore, che più si avvicina come sapore a quelle in commercio, per me rimane quella di Adriano del blog Profumo di lievito e quindi la paternità è sua! Io cambio solo il lievito e poco altro.
Per cui per concludere degnamente il ciclo legato alla Pasqua…facciamo la colomba con il li.co.li!

  • DifficoltàMedia
  • Tempo di preparazione1 Giorno
  • Tempo di cottura35 Minuti
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti

Ingredienti per 3 colombe da 500 g o 2 da 750 g

Primo impasto serale:

  • 355 gfarina 00 (w 400)
  • 100 glievito madre liquido (oppure 110 g di pasta madre attiva)
  • 100 gzucchero
  • 1uovo
  • 3tuorli
  • 90 gburro
  • 140 gacqua (oppure g 145 per la pasta madre)

Massa aromatica (la sera)

  • 30 gcioccolato bianco
  • 15 gmiele di acacia
  • 30 gburro
  • q.b.scorza di limone (grattugiata)
  • q.b.vaniglia (essenza o in polpa)
  • 3 cucchiaiamaretto (liquore)

Glassa (la sera)

  • 125 gfarina di mandorle
  • 120 galbumi
  • 220 gzucchero
  • 25 gfecola di patate
  • gocceessenza di mandorla

Secondo impasto mattutino:

  • 165 gfarina 00 (W400)
  • 1uovo
  • 5tuorli
  • 120 gzucchero
  • 20 gacqua (oppure 30 g per l’impasto con pasta madre)
  • 115 gburro
  • 4 gsale
  • massa aromatica
  • 200 garancia candita (a cubetti)
  • primo impasto

Strumenti

  • Planetaria
  • Spiedini metallici per colomba o panettone
  • Stampo in carta per Colomba

Preparazione della colomba

Fare prima tutte le pesate, setacciare la farina e avere a portata di mano spatole, ciotole, canovaccio…

Per il primo impasto serale:

  1. – Il procedimento è uguale un po’ per tutti i lievitati, per cui avviare la foglia e dopo aver idratato il lievito con l’acqua inserire l’uovo e la farina necessaria per formare l’impasto. Unire poi tuorlo spolvero di zucchero e farina, in sequenza e non aggiungendo i successivi se i primi ingredienti non sono ben assorbiti (in pratica l’impasto deve essere sempre in corda).

    – Aggiungere poi il burro non troppo morbido, in 3 volte, ribaltando ogni tanto l’impasto.

    -Finito l’inserimento del burro, inserire il gancio e, a vel. 1,5/2 impastare fino ad ottenere una  pasta semi-lucida e liscia.

    – Coprire e lasciar triplicare l’impasto in un luogo tiepido (ottimo il forno con luce accesa) per tutta la notte.

Per la massa aromatica e la glassa:

  1. – Massa aromatica:

     Sciogliere il burro con il miele e gli aromi, poi a fuoco spento aggiungere il cioccolato tritato; mescolare con la frusta ed infine aggiungere il liquore. Si può tenere a temperatura ambiente coperta.

    – Glassa:

    la glassa  andrà tenuta in frigo fino al momento dell’uso; Mescolare tutto senza montare, coprire e mettere in frigo.

Per il secondo impasto:

  1. Montiamo il gancio, e avviamo la macchina col primo impasto per serrare l’incordatura, aggiungiamo l’acqua e uno spolvero di farina; incordiamo.

    – Uniamo l’uovo con un po’ di farina, facendo legare.

    Per gli altri ingredienti , l’inserimento è uguale al primo impasto solo che con l’ultimo tuorlo va  aggiunto anche il sale.

    – dopo il burro, inserito sempre in 3 volte, senza mai perdere l’incordatura, va aggiunta la massa aromatica (prima mescolata con una frusta) poco per volta.

    – Finiti tutti gli ingredienti, portare la macchina a velocità sostenuta (2) e impastare fino ad ottenere il velo.

  2. – Unire i canditi leggermente infarinati, impastando a bassa velocità giusto il tempo di amalgamarli in modo uniforme.

    – Far riposare a questo punto l’impasto per 30′ poi spezzare e arrotondare l’impasto; ripetere dopo 30′

  3.  Tagliare la pasta in 3 pezzi grandi (corpo) e 3 piccoli (ali), allungare e disporre a croce nei pirottini, sotto le ali, sopra il corpo.

    – Lasciar lievitare coperte da pellicola fino a che l’impasto non arrivi ad un dito dal bordo.

    – Scoprire le colombe, accendere il forno.

  4. – Montare la glassa con la frusta e distribuirla sulle colombe con l’aiuto del sac-a-poche, cospargere con zucchero in granella, qualche mandorla e abbondante zucchero a velo.

  5. – Infornare a 180°C per 30-35′ ca per le colombe da 500 g. (prova stuzzicadenti che deve uscire asciutto o termometro che deve misurare 96°C al cuore)

    – Appena fuori dal forno, infilzare e capovolgere fino a raffreddamento.

  6. …un pezzettino…

Consigli:

Come per tutti i grandi lievitati, è bene avere il lievito in forza che raddoppi in 4 ore; per cui nei giorni precedenti, è bene rinfrescarlo con la stessa farina che utilizzeremo per l’impasto.

Se non l’avete, acquistate il termometro a sonda che costa pochi euro ma serve moltissimo (e non solo per misurare la t. al cuore dei lievitati)

/ 5
Grazie per aver votato!

2 Risposte a “La colomba con li.co.li.”

  1. Che meraviglia e che soddisfazione Sabrina!!!! Quest'anno non ho davvero la testa e il tempo per dedicarmi con amore a lavori tanto pazienti, con tempistiche precise. Ma guardo con occhio nostalgico tutte le preprazioni che corrono nel wel. La tua versione è decisamente ben riuscita. Vorrei poterle assaggiare tutte e dire che è vero, questa è quella che più si avvicina al concetto di colomba. Dici che si può fare? AhahahahahahBravissima, splendido lavoro.Un bacione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.