Dentice allo zenzero in tajine

Dentice allo zenzero in tajineOk, lo ammetto, mi sono innamorato della tajine! Sto utilizzando spesso questa tipica e originale pentola in coccio originaria del Nordafrica, mi piace perché permette una cottura delicata in cui si esaltano i sapori e i profumi degli ingredienti.
Adatta alla preparazione di carne, pesce e verdure, la tajine da il meglio di se nelle preparazioni lunghe, di carne ad esempio o di legumi, ma è perfetta anche per cotture relativamente brevi come per il pesce.
Il dentice allo zenzero in tajine è una ricetta semplice, leggera e gustosa dai sentori freschi e dai contrasti intriganti, l’esempio di come il pesce sia sicuramente uno degli ingredienti d’elezione per questo peculiare tegame.

Tajine

Dentice allo zenzero in tajine

Ingredienti per quattro persone:
3 dentici da 500 g
50 g di zenzero fresco
200 ml di pomodori a cubetti
3 spicchi d’aglio
Una manciata di capperi
Una decina di olive
Mezzo limone
Mezzo bicchiere di vino bianco
Prezzemolo qb
Olio extravergine

Preparazione:
Eviscerare i dentici e sciacquarli accuratamente sotto l’acqua corrente

Versare un giro d’olio nella tajine, aggiungere lo zenzero tagliato a fettine, gli spicchi d’aglio e far soffriggere per un paio di minuti

Appena lo zenzero e l’aglio si colorano disporre i dentici nel tegame e aggiungere i pomodori, le olive, i capperi, il mezzo limone tagliato in due, il vino, mezzo bicchiere d’acqua e regolare di sale

Coprire la tajine, abbassare la fiamma al minimo e fare andare per 25 minuti circa dall’inizio del bollore aggiungendo verso la fine della cottura il prezzemolo tritato

Prelevare i dentici, diliscarli, mettere i filetti nei piatti, ricoprirli con il fondo di cottura e servire


Se ti è piaciuta la ricetta forse ti interesseranno anche queste:
Dentice al cartoccio in salsa di zenzero e menta
Filetti di dentice al forno con panatura alle noci

Dentice allo zenzero in tajine


Scopri tutte le mie ricette cliccando qui e seguimi anche su facebook

Precedente Pollo e pomodorini in vasocottura Successivo Paccheri rigati con ragù di maiale e caciocavallo