Nutella in gabbia, ricetta lievitato dolce

Vi propongo dei dolcetti golosi, fantastici per la colazione e per partire belli carichi al mattino! Oggi nevica e mangiarli belli caldi sarebbe l’ideale 🙂 questa ricetta l’ho chiamata ‘Nutella in gabbia’, l’originale l’ho presa qui… assistita dalla mia validissima aiutante Silvia, abbiamo svuotato un vasetto di Nutella che girava per casa da un po’ di giorni e di cui non sapevamo che farcene 😉 abbiamo quindi preso l’ispirazione dalla ricetta di quel blog e ci siamo date da fare!

Ecco gli ingredienti per circa 9 panini (noi abbiamo raddoppiato le dosi e ce ne sono venuti 17, alcuni giganti e alcuni piccolini ;)):

280 g farina
60 g burro fuso
1 uovo
40 g zucchero
125 ml latte tiepido
25 g lievito di birra

Per farcire:

Nutella a volontà

Per ‘decorare’:

latte
zucchero

Nutella in gabbia ricetta dolce Alice nella cucina delle meraviglie

Procedimento:

Sciogliere il lievito nel latte tiepido.

Mettere la farina in una ciotola, versare al centro il composto di latte e lievito, l’uovo, lo zucchero e il burro fuso. Lavorare la pasta fino ad ottenere un impasto morbido, ma leggermente appiccicoso.

Lasciare lievitare per 30 minuti.

Stendere la pasta e ritagliare tanti rettangolini. Su ogni metà di impasto spalmare un po’ di Nutella. Sull’altra metà fare dei taglietti (come delle ‘frange’) e richiuderli sopra la Nutella.

Nutella in gabbia ricetta dolce Alice nella cucina delle meraviglie

Lasciare lievitare altri 30 minuti.

Se necessario, fare pressione sulle frange di modo che durante la cottura il panino non si apra.

Spennellare i panini con latte e zucchero e cuocere in forno a 180° per 15 minuti.

Mangiare inzuppati nel latte… buona colazione a tutti!!!

Ecco un piccolo collage con il ‘prima’ e il ‘dopo’ lievitazione e cottura!

Nutella in gabbia ricetta dolce Alice nella cucina delle meraviglie

Seguitemi anche su Facebook: Alice nella cucina delle meraviglie
.
..e su Pinterest, basta cliccare qui.

Precedente Un panettone per la vita - Alice nella cucina delle meraviglie supporta ADMO Successivo Vellutata di cavolfiore, ricetta primo piatto vegetariano

30 commenti su “Nutella in gabbia, ricetta lievitato dolce

    • Grazie mille Cristina! Sei sempre gentile 🙂 io la pasta sfoglia non la so fare e mi piace impastare con le mani, credo che anche se sapessi farla avrei usato lo stesso la pasta lievitata, così posto pasticciare con le mani siii 😉

  1. Fede il said:

    Per la colazione devono essere davvero ottimi, credo che proverò a farli! 🙂 anche se col rigido clima del mio appartamento torinese le cose non lievitano ma questi non devono proprio raddoppiare o triplicare quindi si può provare! xP

  2. Racheleg il said:

    Si possono congelare? mai provato? (per casa mia anche la dose base è un po’ troppa..) GRAZIE, sembrano eccezionali!

    • Non ho mai provato a congelare… qui è sparito tutto nel giro di un attimo 😉 prova a dimezzare le dosi, usando un uovo e la metà degli altri ingredienti! Poi fammi sapere come ti sono venuti!

    • Puoi provare a farli con la marmellata! Così sono meno calorici… e se li mangi a colazione bruci tutto 😉 ho messo la ricetta, si chiamano ‘Saccottini alla marmellata’ 🙂

  3. Manuela il said:

    non vedo l’ora di provare questa ricetta!!! grazie!!
    se qualcuno li ha congelati vorrei sapere com’è il risultato..interessa anche a me,perchè non ho molto tempo,e vorrei averli già pronti!!

  4. nausichaa il said:

    Ciao,
    volevo sapere se posso prepararli la sera, ma cuocerli il mattino successivo!
    la seconda lievitazione la lascio fare tutta notta nel forno spento oppure è meglio lasciarli in frigo, dopo la mezz’pra di lievitazione??
    Grazie e complimenti per la bell’idea! 😉

    • Puoi diminuire la dose di lievito e lasciare lievitare l’impasto tutta la notte nel forno spento… 🙂 però secondo me è meglio fare la seconda lievitazione alla mattina, se no mi sa che i panini diventano troppo grandi!

  5. Aeolus il said:

    Possiamo vivere senza la poesia, la musica e l’arte; possiamo vivere senza la coscienza, e vivere senza cuore; possiamo vivere senza amici; possiamo vivere senza libri; ma la gente civilizzata non può vivere senza cuochi.
    Owen Meredith

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.