Scorzette di arancia candita

Le scorzette di arancia candita sono una vera bontà. Principalmente vengono usate nei panettoni e nelle colombe pasquali, ma sono ottime anche mangiate così, volendo si possono anche confezionare e regalare a Natale.

L’arancia è ricchissima di  vitamina C, aumenta la resistenza del corpo umano contro i vari agenti chimici, fisici e ambientali, soprattutto d’inverno, aumentando le difese immunitarie contro virus e batteri, previene i disturbi cardiovascolari e svolge un’azione antistress. Conviene mangiare l’arancia a spicchi, perché metà della pectina di un’arancia si trova nell’albedo, la parte bianca e spugnosa che riveste internamente la scorza. L’arancia è composta principalmente da carboidrati e acqua, ha un basso indice glicemico ed è una buona fonte di fibre, quindi è ideale per tutti, anche per chi soffre di scompensi glicemici. Il consumo regolare di arance può contribuire a ridurre il rischio di sviluppare le malattie cardiache. Inoltre la vitamina C aiuta a combattere i danni della pelle causati dall’esposizione solare e dall’inquinamento, riduce le rughe e migliora la struttura generale della pelle; poi svolge un ruolo essenziale nella formazione del collagene, il principale sistema di supporto della pelle.

Bene ora passiamo alla preparazione delle scorzette di arancia candita….

scorzette di arancia candita
  • Preparazione: Minuti
  • Cottura: Minuti
  • Difficoltà: Bassa
  • Porzioni:

Ingredienti

  • q.b. Scorza d'arancia
  • q.b. Zucchero
  • q.b. Acqua
  • q.b. Zucchero (per la copertura)

Preparazione

  1. scorzette di arancia candita

    Possibilmente usare arance non trattate e con la buccia corposa; per eliminare ogni impurità lavarle e spazzolarle molto bene sotto l’acqua corrente.

    Tagliare a spicchi regolari la scorza d’arancia conservando anche la parte bianca.

  2. scorzette di arancia candita

    In una pentola mettere le scorze di arancia, coprire con abbondante acqua fredda, portare ad ebollizione e farle bollire per 5 minuti.

    Spegnere il fuoco e far raffreddare un po’, scolare l’acqua.

    Ripetere di nuovo la stessa operazione, aggiungere acqua fredda,portare ad ebollizione e far ribollire per altri 5 minuti.

    Se le arance sono amare ripetere l’operazione 3 volte altrimenti ne bastano due. Questa operazione serve a ridurre l’amaro delle scorze e a renderle più tenere e polpose.

  3. scorzette di arancia candita

    Una volta scolate e fate raffreddare, tagliarle a striscioline sottili di circa 1 cm di larghezza.

  4. scorzette di arancia candita

    Ora pesare le scorzette e pesare anche pari quantità di acqua e zucchero.

    Ad esempio, se le scorzette di arancia pesano 500 gr. dovete aggiungere 500 gr. di acqua e 500 gr. di zucchero.

    In una padella antiaderente mettere lo zucchero, l’acqua e le scorzette e portare a bollore.

  5. scorzette di arancia candita

    Mescolare spessissimo con un mestolo e continuare a far bollire finché lo sciroppo si asciuga.

    Ci vorranno circa 40-50 minuti, a fiamma molto bassa per non far caramellizzare il tutto.

  6. scorzette di arancia candita

    Quando lo sciroppo si sarà assorbito, passare le scorze nello zucchero semolato e, dividendole, rigiratele per bene.

  7. scorzette di arancia candita

    Una volta cosparse di zucchero adagiatele su un foglio di carta forno e lasciatele asciugare per almeno 24 ore.

    Uva volta asciugate si possono mettere in un barattolo di vetro ben chiuso e conservate in frigo anche per qualche mese.

    Mi raccomando che le scorzette di arancia candita siano ben asciutte per una conservazione ottimale!!!!

    Buon appetitooooooo!!!!!!!!!!

  8. scorzette di arancia candita
  9. scorzette di arancia candita

Note

HASHTAGS #ricettesaretta
Se provate la ricetta, condividete le vostre foto su Instagram, aggiungendo l’hashtag #ricettesaretta.

Seguitemi su Instagram, mi trovate come @cucina.con.saretta oppure sulla pagina Facebook Cucina con Saretta.

Precedente Tiramisù in versione moderna Successivo Pasticcini siciliani in pasta di mandorle

Lascia un commento