Crea sito

Pesto alla genovese fatto in casa

A casa mia tutti amano il pesto, lo mangerebbero tutti i giorni 🙂 Sono appena tornata dalla Liguria con tantissimo basilico DOP freschissimo e profumatissimo e ne ho approfittato per preparare la scorta di pesto per l’inverno.

La ricetta è facilissima, il segreto sta tutto nella buona qualità degli ingredienti.

Pesto alla genovese, cucina con sara
  • Preparazione: 10 Minuti
  • Cottura: Minuti
  • Difficoltà: Bassa
  • Porzioni: 4
  • Costo: Medio

Ingredienti

  • foglie di basilico 50 g
  • aglio 2 spicchi
  • pinoli 20 g
  • parmigiano reggiano 40 g
  • olio extra vergine di oliva 100 ml
  • sale grosso 1 pizzico

Preparazione

  1. Iniziate pulendo le foglie di basilico con un panno morbido, senza bagnarle.

    In alternativa, lavate le foglie di basilico ed asciugatele perfettamente ma con delicatezza, senza stropicciarle o romperle altrimenti  risulteranno annerite e renderanno amaro il sapore del pesto.

    Sbucciate l’aglio e mettetelo nel mortaio insieme al sale grosso; pestate fino a quando l’aglio sarà ridotto in crema, quindi aggiungete le foglie di basilico e qualche altro granello di sale grosso.

    Schiacciate le foglie di basilico fino a quando uscirà un liquido verde brillante; a questo punto aggiungete i pinoli e continuate a pestare.

    Aggiungete il parmigiano reggiano, poco alla volta, e per ultimo l’olio extra vergine di oliva. Lavorate sempre il tutto con il pestello del mortaio.

    Amalgamate gli ingredienti fino ad ottenere una consistenza cremosa.

    Ora il pesto alla genovese è pronto per essere gustato 🙂

Consigli

Potete conservare il pesto in frigorifero, in un contenitore ermetico, per 2-3 giorni, avendo cura di ricoprire la salsa con uno strato di olio. Potete anche congelare il pesto e poi scongelarlo a temperatura ambiente.

Se non avete il mortaio potete utilizzare il frullatore, meglio se con le lame di plastica perchè quelle in metallo tendono a rendere le foglie del basilico amare. Frullate a bassa velocità, a più riprese, per evitare che il pesto si surriscaldi.

4,6 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da cucinaconsara

Sara, psicologa per professione e foodblogger per passione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.