Pandolce genovese rivisitato con uvetta, cioccolato e nocciole

Pandolce genovese rivisitato con uvetta, cioccolato e nocciole.

pandolce genovese rivisitato, cucina con sara

Dopo aver sperimentato con successo la ricetta del pandolce basso genovese senza lievitazione, ho deciso di tentare un nuovo esperimento. I genovesi storceranno un po’ il naso per questo mio pandolce rivisitato con uvetta, gocce di cioccolato e nocciole, ma io vi posso assicurare che è delizioso 😉 Provatelo anche voi e ditemi se vi ha conquistato.

Se preferite il pandolce basso genovese classico, cliccate qui per la ricetta.

INGREDIENTI PANDOLCE GENOVESE RIVISITATO CON UVETTA, CIOCCOLATO E NOCCIOLE:

  • 300 grammi di farina manitoba
  • 150 grammi di farina 00
  • 150 grammi di burro
  • 150 grammi di zucchero semolato
  • 25 grammi di miele di acacia
  • 2 uova intere
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • 1 cucchiaio di acqua di fiori di arancio
  • 200 grammi di uvetta
  • 100 grammi di gocce di cioccolato fondente
  • 30 grammi di nocciole

PREPARAZIONE PANDOLCE GENOVESE RIVISITATO CON  UVETTA, CIOCCOLATO E NOCCIOLE:

Tenere tutti gli ingredienti a temperatura ambiente per almeno 1 ora. Setacciare le due farine ed il lievito e metterle in una ciotola capiente; unire il miele di acacia, il cucchiaio di acqua di fiori di arancio, le uova intere, lo zucchero ed il burro a pezzetti. Mescolare velocemente con un cucchiaio, quindi ribaltare l’impasto su una spianatoia leggermente infarinata; impastare per circa 10 minuti.

Aggiungere le uvette, le gocce di cioccolato fondente e le nocciole tritate grossolanamente. Impastare fino a quando uvette, gocce di cioccolato e nocciole saranno distribuite in maniera uniforme nell’impasto.

Fare una palla di impasto, appoggiarla su una teglia ricoperta da carta forno. Appiattire leggermente la palla con le mani e, con un coltello a lama liscia ed affilata, incidere sulla superficie un triangolo.

Infornare a 160 gradi (ventilato) per circa 35 minuti.

Sfornare e far raffreddare completamente prima di mangiarlo.

Spero che questa ricetta vi sia piaciuta 🙂 Se vi va seguitemi anche su Facebook, su Cucina con Sara per rimanere sempre aggiornati, e sul mio canale  you tube.

Pubblicato da cucinaconsara

Sara, psicologa per professione e foodblogger per passione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.