Torta antica rustica con croccante

torta antica rustica

Torta antica rustica con croccante. Nonna Ariella sbirciando nel web ha trovato una ricetta interessante, antica, dai sapori ormai dimenticati della tradizione, in questo sito Dolcigusti.it abbiamo attinto ingredienti e preparazione.

Riprendere le tradizioni è ricordare da dove veniamo e chi siamo, in questa società moderna, anche con ricette quasi dimenticate significa non cancellare il passato, da esso trarre insegnamenti anche in cucina.

Si ringrazia Monica Zacchia per averci fatto rivivere con questa delizia un pezzo del nostro passato.

LEGGI ANCHE >>>> IL PAN DI SPAGNA PERFETTO

La ricetta è per 8 porzioni

Ingredienti 

  • 200 grammi  di farina
  • 50 grammi  farina integrale
  • 50 grammi farina di mandorle
  • 2 uova bio
  • 50 grammi di cioccolato fondente tritato
  • 150 grammi di zucchero
  • 150 grammi di burro
  • 1/2 cucchiaino di cannella
  • 1 cucchiaio di rum
  • fave di cioccolato
  • frutta secca mista 

LEGGI ANCHE >>>> CIOCCOLATA ALL’UOVO E RUM

Preparazione

  1. Con le fruste elettriche o la planetaria lavorate il burro con lo zucchero e la cannella; incorporatevi le uova, il cioccolato grattugiato, il rum e tutte le farine.
  2. Versate il composto in uno stampo imburrato e ricoperto da pangrattato.
  3. Tritate al coltello la frutta secca e le fave di cacao e cospargete la superficie della torta. I
  4. Infornate a 190° per 45 minuti circa.
  5. Attendete che il dolce sia freddo e spolverizzate con lo zucchero a velo.

LEGGI ANCHE >>> SONDAGGIO LA7, IN FORTE CALO FRATELLI D’ITALIA E LEGA

Mi piacerebbe avere dei vostri giudizi sulle mie ricette, per migliorare e crescere insieme, non si finisce mai di imparare in questa vita, quindi fatemi leggere le vostre opinioni che terrò, senza dubbio, conto!

L’arte culinaria è un’arte non sempre facile da eseguire, personalizzando le nostre ricette, nel nostro piccolo, siamo tutti chef per i nostri cari, non dimentichiamolo!

Ora vi lascio alle vostre incombenze augurandovi un buon proseguimento, alla prossima, la vostra Nonna Ariella.