Seppie in zimino alla ligure

seppie in zimino alla ligure

Seppie in zimino alla ligure. Buona serata care amiche e cari amici di Cucina con Nonna Ariella, la ricetta di questa sera ha tutto il profumo del mare ligure e non solo anche delle sue colline, ingredienti mare e monti che si sposano perfettamente, le seppie, le bietole, la borragine per creare un piatto che ha una lunga tradizione.

Le seppie in zimino alla ligure sono una specialità della cucina genovese che attinge i suoi ingredienti dalla terra montagnosa e dal suo mare e affonda le radici nel suo passato marinaro e coloniale. Le seppie in zimino si devono mangiare con crostini di pane (pane abbrustolito con olio evo) e vino bianco.

LEGGI ANCHE >>>> Liquore frum messinese e siciliano

Ingredienti per 4 porzioni:

  • 1 kg di seppie
  • 150 grammi di borragine
  • 150 grammi di bietole
  • 1 cucchiaio di uva passa
  • 1 cucchiaio di pinoli
  • 1 cucchiaio di prezzemolo tritato
  • 2 cucchiai di polpa di pomodoro
  • 1 dl di vino bianco secco
  • olio evo q.b.
  • sale e pepe q.b.

LEGGI ANCHE >>>>> Sondaggio 5Stelle e Lega disastro annunciato

Preparazione:

  1. Pulire e tagliare a listarelle le seppie.
  2. Mondare e lavare bene la borragine e le bietole.
  3. Cuocere le verdure in una casseruola coperta con la sola acqua di vegetazione.
  4. Versarvi poi 1 cucchiaio di olio evo, l’uva passa, i pinoli, lasciando insaporire il tutto per qualche minuto.
  5. In una padella scaldare 1 dl olio evo e soffriggere le seppie.
  6. In una pirofila riunire tutte le verdure e le seppie, unire il prezzemolo tritato , la polpa di pomodoro, il vino bianco, regolare di sale e pepe.
  7. Passare in forno a calore medio per 15-20 minuti.
  8. Servire ben caldo, irrorando con succo di limone.
  9. Si può sostituire il pepe con del peperoncino piccante.

LEGGI ANCHE >>>>> Liquore ai fiori di robinia

Le seppie in zimino alla ligure, in particolare, si degustano bene con un vino bianco secco e fermo, meglio se dotato di buona mineralità come il Vermentino di Sardegna, le cui note fruttate sono perfette per valorizzare la delicatezza del piatto.

Una buona serata e poi una buona nottata dalla vostra Nonna Ariella

Foto di Alimentipedia