Sapori antichi veneti Risotto con cavolo verza e luganega

Risotto con cavolo verza e luga

Sapori antichi veneti Risotto con cavolo verza e luganega

Sapori antichi veneti Risotto con cavolo verza e luganega,
Sapori antichi veneti Risotto con cavolo verza e luganega,

Buon pomeriggio  amici lettori di Cucinacononnariella, oggi vi presentiamo un piatto dai sapori antichi veneti: Risotto con cavolo verza e luganega, adatto al  tempo piovoso e freddo che attualmente flagella l’Italia, non è un piatto molto leggero però ha una bontà insuperabile.

La luganega è carne suina, macinata insieme a grasso di suino, viene insaccata a filza ed è da consumarsi previa cottura diretta del prodotto oppure nella preparazione di altre pietanze, come ad esempio di risotti.

Ma vediamo di illustrarvi ingredienti per 4 porzioni e il procedimento.

Ingredienti per la ricetta: Sapori antichi veneti Risotto con cavolo verza e luganega

  • 320 g di riso per risotto (Carnaroli o Vialone)

  • 10 foglie medie di verza
  • 1 scalogno
  • 2 salsicce di luganega
  • 2 litri di brodo vegetale o di carne
  • sale
  • pepe
  • salsa di soia
  • burro
  • formaggio grattugiato
  • vino bianco

Procedimento:

Mettere a bollire un brodo già preparato il giorno prima, non salato.

Poi tagliare le verze, ne contiamo 2  foglie a porzione, più una per la pentola.

Teniamo una a parte che utilizzerete come decorazione alla fine.

Tagliate a striscioline e poi a quadretti, sbucciare lo scalogno e tritarlo grossolanamente.

Cuocere scalogno e verza in una padella per circa 4 minuti con un goccio di brodo, salare e pepar a piacere.
Cuocete del riso: tostare il riso in una pentola con olio, aggiungere il sale, bagnarlo con il vino bianco e un goccio di soia e poi unire il brodo un po’ alla volta per portarlo a cottura.
A metà cottura aggiungere le verze.
Cuocete le salsicce: bucarle con una forchetta e rosolarle in padella, in modo da far uscire parte del grasso. Spellarle e romperle a pezzetti.
A cottura ultimata mantecare il riso con burro e formaggio, mantenendolo piuttosto brodoso, aggiungere la salsiccia sbriciolata e alla fine decorare con una macinata di pepe e della verza a julienne cruda.
Non è assolutamente un piatto leggero, ma è digeribile.

Bene, a questo punto non ci resta che augurarvi buon appetito e a risentirci alla prossima ricetta.

Nonna Ariella