Risotto alla certosina

Risotto alla certosina

Risotto alla certosina. Buona domenica a voi tutti lettori d Cucina con Nonna Ariella, se avete un pranzo importante oggi vi si propone un primo piatto fantastico che sorprenderà i vostri ospiti.

Ci vogliono un paio di ore di tempo per preparare questa ricetta, però il risultato non è solo ottimo, sarà eccellente! I frati della Certosa di Pavia lo chiamavano anche piatto di magro perché gli ingredienti sono leggeri: rane, gamberi di fiume, pesce persico e verdure.

LEGGI ANCHE >>>> Pizza e condimenti

Ingredienti per 4 persone:

  • 400 grammi di riso per risotti
  • 4 filetti di pesce persico
  • 500 grammi di gamberi di fiume
  • 8 rane
  • 2 porri
  • 1 gambo di sedano
  • 1 carota
  • 1 spicchio di aglio,
  • 200 grammi di funghi (champignon vanno bene)
  • 2 dl  di vino bianco secco
  • 100 grammi di piselli
  • olio evo
  • sale q.b.

LEGGI ANCHE >>>> Tendenza unghie autunno 2021

Risotto alla certosina.

Preparazione:

  1. Mettete al fuoco un litro e mezzo di acquam unite i porri, sedano, carota e un pizzico di sale.
  2. Quando bollono aggiungere rane e ganmberi.
  3. A fine cottura togliete con la schiumarola rane e gamberi.
  4. Sgusciate i gamberi e le cosce delle rane, mettere da parte e il resto nella pentola  e fare cuocere per circa un’ora ancora, quindi colare il brodo.
  5. Poi, a parte, fate rosolare con l’olio evo uno spicchio d’aglio e i  funghi affettati,  togliete l’aglio dopo aver insaporito i funghi e unite il riso.
  6. Quando il riso è quasi trasparente e ben umto, aggiungete il vino bianco e fatelo sfumare a fuoco alto, versate i piselli e portate tutto a cottura con il brodo preparato (unendolo il riso si fa più denso, poco alla volta).
  7. In un tegame fate rosolare in un po d’olio i filetti di pesce persico, unite il vino rimasto e fatelo sfumare.
  8. A fine cottura unite al riso le cosce di rane e i gamberetti di fiume sgusciatie quindi disporre sulla superficie i filetti di pesce persico.

LEGGI ANCHE >>>> Mezze zite all’ortolana

Tutto sommato si potrebbe definire questa ricetta un piatto unico con tutti gli ingredienti che ci sono, l’abbinamento giusto di vino sarà con un bianco giovane, dalle spiccatecomponenti acide ed erbacee, esempio l’Erbaluce di Caluso.

Auguro un  buon proseguimento, la vostra Nonna Ariella

Foto di Mincio&Dintorni