Pesce spada alla palermitana

Pesce spada alla palermitana

Pesce spada alla palermitana.  Buon inizio settimana cari lettori di Cucina con Nonna Ariella, oggi vi presentiamo un piatto eccezionale di pesce, pesce spada alla palermitana, un piatto decisamente saporito ed è un concentrato di vitamine e sali minerali. In particolare, la vitamina C stimola il sistema immunitario negli adulti come nei bambini. La vitamina D ed il calcio, invece, migliorano la salute delle ossa, riducendo i rischi da osteoporosi e fratture.

LEGGI ANCHE >>>> Facebook e Instagram: via libera all’incitamento all’odio nei confronti di Russia e Bielorussia

Ingredienti per 6 porzioni:

  • 8 fette di pesce spada
  • 100 grammi di salsiccia
  • 1 cipolla
  • 1 dl di vino bianco secco
  • 1 cucchiaio di salsa di pomodoro
  • 1 ciuffo prezzemolo tritato
  • 2 cucchiai di pangrattato
  • 4 cucchiai di pecorino grattugiato
  • 12 olive verdi snocciolate e tritate 
  • 2 cucchia di capperi sott’aceto ben strizzati
  • alloro

LEGGI ANCHE >>>> Russia America due pesi due misure

Preparazione:

  1. Con un coltello spellare e dare forma regolare alle fettine di pesce spada tagliate allo spessore di mezzo centimetro.
  2. Rosolare i ritagli  ottenuti con la cipolla , unendo anche la salsiccia, spellata e sbriciolata, aggiungere il vino bianco e la salsa di pomodoro.
  3. Cuocere oer circa 10 minuti mescolando bene.
  4. Aggiungere il prezzemolo tritato  e spegnere il fuoco.
  5. Unire il pangrattat, il pecorino grattugiato, le olive snocciolate e tritate grossolanamente e i capperi sott’aceto ben strizzati.
  6. Suddividere il ripieno  tra le fette di pesce spada e arrotolarle, fissarle con 2 stecchini ai lati di ogni involtino e infilare una foglia di alloro.
  7. Gli spiedini di pesce spada dovranno cuocere  sulla griglia arroventata per circa 15 minuti, o, in alternativa, in una padella con un poco di olio evo, aggiungendo di tanto in tanto, se necessario, un poco di acqua,

LEGGI ANCHE >>>> Peperoni alla piemontese

Per una pietanza così straordinaria l’abbinamento vino è con il Nuragus,  un vino di colore giallo paglierino con riflessi dorati, lievi profumi che ricordano fiori di campo e frutta a polpa bianca, gusto morbido, fresco, abbastanza equilibrato

Buon proseguimento dalla vostra Nonna Ariella.

Foto di Hans Braxmeier da Pixabay