Pasta e patate alla scamorza affumicata

Pasta e patate alla scamorza affumicata

Pasta e patate alla scamorza affumicata. Buona giornata cari lettori di Cucina con Nonna Ariella, la proposta di oggi tratta di un primo piatto che ha il sapore del passato, con ingredienti semplici e gustosi, un primo piatto economico e ricco di sostanza che aiuta il nostro organismo ad avere quella energia e forza necessaria per affrontare il quotidiano, le patate ricche di potassio, la scamorza ricca di vitamine, un vero toccasana per stare bene.

LEGGI ANCHE >>>> Sono vittima di un femminicidio di Ariella G.

Ingredienti per 4 porzioni:

  • 200 grammi di pasta corta, meglio se fresca
  • 3-4 patate di media grandezza
  • 1 gambo di sedano
  • 6-7 pomodorini
  • 1 spicchio di aglio
  • olio evo q.b.
  • 1 carota
  • 1 cipolla
  • 2 etti di scamorza affettata sottilmente
  • pepe q.b.
  • parmigiano grattugiato q.b.
  • brodo vegetale

LEGGI ANCHE >>>>> Pomodori ripieni alla crema di salmone affumicato

Preparazione:

  1. In un tegame rigorosamente di coccio, fare soffriggere cipolla tagliata fine, carota sedano e uno spicchio di aglio intero, deve soffriggere a fuoco bassissimo per almeno mezzora (facendo attenzione che non bruci).
  2. Aggiungere un po’ di brodo e le patate tagliate a tocchetti di media grandezza, fare cuocere e aggiungere i pomodorini quasi interi leggermente spremuti con le mani.
  3. Versare altro brodo bollente e la pasta e cuocere.
  4. Deve risultare cremosa e un po’ brodosa.
  5. Spegnere e unire la scamorza, il pepe, il parmigiano e un goccio di olio evo.
  6. Servire in ciotoline di coccio e buon appetito!
  7. Si può gustare anche fredda volendo.

LEGGI ANCHE >>>>> Limoni ripieni

Per l’abbinamento, è perfetto un vino rosso giovane, fruttato con note speziate. Come per esempio il Pallagrello Nero, che abbiamo selezionato come unica tipologia regionale. Sono perfetti per accompagnare questo piatto anche il Cesanese del Piglio prodotto nel Lazio e il Morellino di Scansano toscano.

Un buon proseguimento dalla vostra Nonna Ariella.

Foto di Pasquariello