Liquore ai fiori di robinia

Liquore ai fiori di robinia

Liquore ai fiori di robinia. Buona giornata a tutti voi cari lettori di Cucina con Nonna Ariella, oggi vi si propone una ricetta di un liquore composto da fiori profumatissimi e bianchi, i fiori di acacia o robinia come volete chiamarli, fiori commestibili si intende un fiore che può essere consumato in sicurezza. In casi particolari, i fiori possono sostituire gli ortaggi e diventare l’ingrediente principale o il condimento di un pasto. Inoltre, alcuni fiori possono essere utilizzati come vere e proprie erbe.

LEGGI ANCHE >>>> Sondaggio 5Stelle e Lega disastro annunciato

Questo è il momento propizio per preparare eventuali conserve, marmellate, liquori avendo la fioritura di frutta e fiori così avere nella dispensa invernale i profumi e i sapori dell’estate passata.

LEGGI ANCHE >>>> Oroscopo “Luna Nuova in Cancro” (dal 27 giugno al 3 luglio)

Ingredienti per il liquore ai fiori di robinia (o acacia)

  • 200 g di fiori d’acacia,
  • 500 g di zucchero,
  • 1 litro d’alcool,
  • 2 cucchiai di miele d’acacia,
  • 1 litro d’acqua.

Preparazione:

  1. Si utilizzano solo i fiori, raccogliere quindi i grappoli e staccare delicatamente i singoli fiorellini conservando solo il peduncolo che sarebbe impossibile da staccare.
  2. L’ideale sarebbe di non lavarli, quindi è meglio raccoglierli in un posto poco polveroso, comunque se proprio dovete lavarli fatelo prima di staccare i fiorellini.
  3. Mettere in un vaso capiente i fiori e coprire con l’alcool, lasciare macerare per una settimana, e filtrare una prima volta per raccogliere i fiori tenendo da parte l’alcool in un contenitore chiuso.
  4. A questo punto preparare uno sciroppo con l’acqua, i fiori scolati, e lo zucchero, in questo modo mentre si scioglie lo zucchero, si recupera anche tutto l’aroma residuo nei fiori.
  5. Aggiungere il miele mescolando, filtrare nuovamente e lasciare raffreddare lo sciroppo aromatizzato.
  6. Una volta freddo, aggiungere lo sciroppo all’alcool aromatizzato, mescolare bene e lasciare riposare per un paio di giorni, noterete che si formerà un deposito leggermente verdastro, si tratta dei residui dell’acacia.
  7. Occorre ora filtrare nuovamente il tutto attraverso un filtro finissimo.
  8. Si imbottiglia e si mette una bella etichetta.
  9. Si può degustare quasi subito, si tratta di un liquore molto profumato che piace sopratutto a coloro che amano i liquori a base di fiori.
  10. Suggerisco anche di utilizzarlo su un gelato alla crema. Buona degustazione!

LEGGI ANCHE >>>> A colazione il Pudding al melone

Si ringrazia vivamente il sito Il Calderone di Marinella per la ricetta qui riportata.

Un buon proseguimento dalla vostra Nonna Ariella.

Foto di dae jeung kim da Pixabay