Faraona al marsala alla veneta

Faraona al marsala alla veneta

Faraona al marsala alla veneta. Buongiorno cari lettori di Cucina con Nonna Ariella, oggi una pietanza speciale per un pranzo o una cena importanti, faraona al marsala alla veneta, che nel Veneto si prepara in occasioni quale potrebbe essere il Natale o in altri eventi, la cucina tradizionale contadina veneta è un crogiuolo di ricette fatte con prodotti dell’aia e dell’orto, prodotti genuini e sani, senza conservanti, amanti della loro terra da dove traggono non solo lavoro ma anche sostentamento il popolo veneto ha imparato mangiare bene ed anche in economia.

Da Wikipedia si trae: ‘‘La faraona mitrata, più nota popolarmente come gallina faraona, anche faraona comune, gallina di Numidia o gallina di Faraone (Numida meleagris [Linnaeus, 1758]), è un uccello galliforme della famiglia dei Numididi, diffuso allo stato selvatico soprattutto nell’Africa settentrionale. È l’unica specie del genere Numida.” (Fonte: Wikipedia)

leggi anche >>>> Crisi Russia-Ucraina potenziale ruolo della Cina

Ingredienti per 4 persone:

  • 1 faraona di circa 1 chilo
  • 100 grammi di fegato di vitello
  • 50 grammi di prosciutto crudo
  • 1 foglio di alloro
  • 1 chiodo di garofano
  • noce moscata q.b.
  • 30 grammi di burro
  • 1,5 dl di marsala secco
  • 3 dl di brodo.

LEGGI ANCHE >>>>Johnny Depp fans lo vogliono vincitore per l’Oscar 2022

Preparazione:

  1. Disporre la faraona sul tagliere, aprire la pelle all’altezza del codrione, praticando  un foro sopra l’orificio (a sinistra); con l’indice staccare le membrane  es estarre  le interiore in un unico blocco, facendo attenzione a non rompere  il sacchetto della fiele; asportare la ghiandola oleosa posta sopra il codrione, che in cottura, darebbe uno sgradevole  gusto di muschio.
  2. Staccare infine la testa, incidere la pelle  fino alle spalle, aprirla, staccare il collo e asportare con un dito la trachea, l’esofago  e il ventriglio (a destra), dopo di che fiammeggiare ben bene il volatile.
  3. Dopo aver pulito la faraona, tenere da parte le interiora, tagliarla a pezzi e farla rosolare in padella con il burro.
  4. Tritare il fegato e il cuore della faraona, ubitamente al fegato di vitello e al prosciutto crudo.
  5. Unire il trito alla faraona aggiungendo l’alloro, il chiodo di garofano, la noce moscata e il marsala.
  6. Abbassare la fiamma e far cuocere dolcemente  per circa 1 ore e 30 minuti, incorporando, poco alla volta, il brodo.
  7. Regolare di sale,
  8. A fine cottura passare al setaccio il sugo ottenuto e utilizzarlo versandolo sulla faraona nel piatto di portata dove l’avete posta.

LEGGI ANCHE >>>>> Fusilli alla normanna

Per una pietanza così importante anche il vino deve avere valenza quindi suggeriamo un Aleatico che è un sussurro, non prepotente, dotato di finezza e leggiadria. Specialmente nei vini dell’Elba o di costa si sentono chiari profumi di iodio e di mare. Al palato sono vini freschi, con tannini delicatissimi, ma mai banali o soltanto fruttati e piacevoli.

Buon proseguimento dalla vostra Nonna Ariella che avrete capito quanto sia n ell’anima veneta e attaccata alle sue origini,

Foto di Agrodolce