Conchiglie al profumo di bosco

conchiglie al profumo di bosco

Conchiglie al profumo di bosco. Buona serata a voi amiche e aici di Cucina con Nonna Ariella, una proposta che profumerà la vostra cucina di bosco, quel profumo inebriante quando passeggiamo per i sentieri, però questo fa venire l’acquolina in bocca!

Una curiosità tratta da Wikipedia sulla castagna: ”…Marco Terenzio Varrone (I sec. a.C.) nel suo manuale De re rustica menziona un frutto, castanea, venduto nei mercati frutticoli della Via Sacra a Roma e che, come l’uva, veniva offerto in dono dai giovani innamorati alle donne amate” (fonte: Wikipedia)

LEGGI ANCHE >>>> Stephen Sondheim si spegne a 91 anni la luce di Broadway

Conchiglie al profumo di bosco

Ingredienti per 4 persone:

  • 380 grammi di conchiglie
  • 150 grammi di finferli
  • 150 grammi di castagne secche
  • 20 grammi di porri
  • 20 grammi misto di erbe aromatiche
  • 20 grammi di burro
  • 4 cucchiai di parmigiano grattugiato
  • mezzo bicchiere di vino rosso secco
  • brodo vegetale
  • olio evo q.b.
  • sale e pepe q.b.

LEGGI ANCHE >>>> Natale 2021 Tradizioni natalizie in casa Windsor

Preparazione:

  1. Fate bollire le castagne per 45 minuti, dopo averle tagliate dal lato piatto-
  2. Trascorso il tempo scolatele, sciacquatele, sbucciandole eliminate la pellicina interna.
  3. Affettate a rondelle sottili il porro, facendolo poi stufare in olio e burro.
  4. Unite i finferli tagliati a  julienne e le castagne, cuocendo il tutto per circa un paio di minuti, a fiamma vivace.
  5. Bagnate con il vino rosso secco, facendolo poi evaporare, aggiungete un mestolino di brodo vegetale, regolando con sale e pepe.
  6. Lasciate ridurre la salsa e, mentre si cuoce, lessate le conchiglie in abbondante acqua salata.
  7. A cottura ultimata, rigorosamnente al dente, scolatele e fatele saltare in padella con la salsa preparata, spargendo il parmigiano grattugiato e le erbe aromatiche.

LEGGI ANCHE >>>> Churros sfiziosi di polenta

Per questo primo piatto si abbinano vini giovani, meglio se si tratta di vini novelli, ancora meglio se leggermente frizzanti per sgrassare la bocca. Esempi classici tra i vini italiani sono il Lambrusco di Sorbara, il Sangue di Giuda, il Barbera del Monferrato, la Bonarda, e molti altri vini rossi frizzanti.

Non eccedete mai nel bere, un bicchiere di vino fa buon sangue, due cominciano as essere troppi, un ciao dalla vostra nonna Ariella.

Foto di Couleur da Pixabay