Capesante in tegame alla veneziana

Capesante in tegame alla veneziana

Capesante in tegame alla veneziana.  Buongiorno a tutti voi cari amici di Cucina con Nonna Ariella, oggi un secondo strepitoso molto caro alla cucina veneta, in special modo quella veneziana.

La capasanta o anche chiamata conchiglia si San Giacomo ha uno storico antichissimo, infatti ‘‘ Evidenze archeologiche hanno dimostrato che i molluschi marini sono stati tra i primissimi alimenti consumati dall’umanità.

Tra questi molluschi commestibili rientrano anche le capesante. Il primo scrittore a esaltare il gusto delle capesante fu il filosofo greco Aristotele che raccomandava di: “cucinarle alla griglia e cospargere il frutto con dell’aceto, al fine di esaltare la loro dolcezza”. Questa antica ricetta è stata rinvenuta anche tra gli scritti del filosofo Senocrate.

Sono pervenute ulteriori evidenze storiche sul loro consumo da diversi scrittori Romani.”  (Wikipedia)

E dopo questi cenni storici veniamo alla nostra ricetta.

leggi anche >>>> Covid, antidepressivo da 4 dollari riduce rischio ricovero

Ricetta per 4 persone per Capesante in tegame alla veneziana.

Ingredienti:

  • 16 capesante
  • 2 spicchi d’aglio
  • 10 grammi di prezzemolo
  • 2 cucchiai di succo di limone
  • 6 cucchiai di olio evo
  • sale e pepe q.b.

leggi anche>>>>Capelli non lavati per una settimana cosa succede

Preparazione:

  1. Aprite le capesante con un coltellino, staccate i molluschi dalle conchiglie e metterli da parte.
  2. Pulirli e lavarli molto bene.
  3. Sbucciate l’aglio, lavare bene il prezzemolo quindi tritateli
  4. Ponete nel tegame l’olio evo, i molluschi e il trito ottenuto, insaporire con sale e pepe .
  5. Fate cuocere poi per 2-3 minuti.
  6. Lavate e asciugate bene 4 conchiglie, disporle sul piatto di portata.
  7. Distribuite i molluschi nelle conchiglie, conditeli con poco succo di limone.
  8. Servire in tavola.
  9. Per una scenografia di successo, decorate la preparazione del piatto con fettine di limone e foglioline di prezzemolo.

leggi anche >>>> Primo piatto di Filindeu

Una ricetta facile facile come potete osservare,

Per capire bene come si deve acquistare questo tipo di molluschi, riportiamo una spiegazione di una esperta, rilevata da ilfattoalimentare.it: ”Il problema è che è quasmpossibile rintracciare l’acqua interna aggiunta con un’analisi ufficiale, anche se di solito chi aggiunge acqua lo indica tra gli ingredienti”

Poi prosegue spiegando  Valentina Tepedino di Eurofishmarket , “per quanto riguarda la glassatura sui prodotti congelati confezionati deve essere indicato il peso netto, e in quelli sfusi bisogna fare attenzione a controllare che il prezzo in evidenza sia riferito al peso netto, e non a quello lordo, come erroneamente a volte accade”. (il fattoalimentare,it)

Quindi leggiamo molto bene le etichette dei prodotti che acquistiamo e questo vale non solo per le capesante ma per tutti i prodotti-

Grazie per l’attenzione, speriamo di esservi stati utili, un ciao dalla vostra Nonna Ariella.

Foto di Quynh Ho da Pixabay