Crea sito

Pasta fresca ai semi di papavero

Pasta fresca ai semi di papavero una variante diversa di pasta fresca, arricchita con semi di papavero, che, oltre a conferire un gusto ed un profumo particolare, grazie ai numerosi olii essenziali contenuti in questi in semi, la rendono particolare e diversa dal solito.
I semi di papavero hanno tantissime proprietà benefiche, come favorire il metabolismo, rallentare l’invecchiamento cellulare e preservare la salute delle ossa. Certo bisognerebbe integrarli quotidianamente nella nostra dieta, ma anche consumarli qualche volta, come provare a preparare questa pasta fresca ai semi di papavero, può essere d’aiuto.
Se volete mettere le mani in pasta, correte a leggere la ricetta, e se avete bisogno di aiuto o consigli su come impastare a mano, vi aspetto sul mio gruppo facebook “Facciamo la pasta con Nenè”.

Pasta fresca ai semi di papavero
  • DifficoltàBassa
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione15 Minuti
  • Tempo di riposo30 Minuti
  • Porzioni4
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 300 gfarina 00
  • 3uova
  • 20 gsemi di papavero

Preparazione

  1. Per preparare la pasta fresca ai semi di papavero dovete per prima cosa preparare l’impasto, che dovrà riposare per almeno trenta minuti prima di essere steso e quindi formare il vostro formato di pasta preferito.

  2. Su una spianatoia in legno, versate la farina a fontana , se preferite potete spezzare la farina 00 e fare metà farina 00 e metà farina di semola di grano duro rimacinata.

  3. Al centro della fontana, create un buco, dentro al quale andrete a versare le uova assieme ai semi di papavero.

    Cominciate a sbattere le uova con una forchetta, e poco alla volta cominciate ad inglobare la farina.

    Non appena il composto comincia a diventare più consistente, impastate a mano energicamente fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo.

  4. Coprite la pasta con un canovaccio e lasciatela riposare per una trentina di minuti in un luogo fresco e asciutto.

    Non riponetela in frigo.

  5. A questo punto, non vi resta che stenderla e creare qualsiasi formato di pasta voi preferiate.

    Potete provare a preparare le tagliatelle come vedete in foto qua sotto:

    Dopo aver steso la pasta molto sottilmente (se usate la nonna papera, vi consiglio di passarle per due volt nel penultimo scatto), tagliate le tagliatelle al coltello o con l’apposito stampo.

    Perfette da condire con un sugo di pomodoro semplice, con un sugo di carne o un sugo di salsiccia, o perché no, anche un sugo di funghi.

  6. CONSERVAZIONE: Potete conservare la pasta fresca ai semi di papavero già tagliata nei vostri formati per un giorno al massimo in un luogo fresco ed asciutto.

    Potete essiccare la vostra pasta con un essiccatoio.

    Potete congelare la vostra pasta disponendola prima ben larga su un vassoio, ed una volta fredda, in un sacchetto gelo per alimenti.

    CONSIGLIO: Volendo potete aumentare la dose di semi di papavero, anche se, con la dose specificata credo siano equidistribuiti all’interno dell’impasto.

    I semi di papavero non fanno male, ma una dose elevate è sconsigliata a bambini e donne incinte.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.