Crea sito

Ziti spezzati ai fagioli

Gli ziti spezzati ai fagioli sono un primo piatto saporito ed invitante. Molto semplice ed economico da realizzare, inoltre. L’abbinamento dei legumi con i carboidrati ci piace molto perché in poche mosse si ha un pasto completo ed equilibrato, al quale basta aggiungere solo frutta e verdura.
Se non avete i fagioli secchi, inoltre, potete sostituirli con quelli in barattolo considerandone almeno il doppio. Cosa ne dite di seguirci in cucina e scoprire come realizzarlo?

Ziti spezzati ai fagioli
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di cottura1 Ora 15 Minuti
  • Porzioni2 persone
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 140 gZiti
  • 100 gFagioli borlotti secchi
  • 4 foglieSalvia
  • q.b.Olio extravergine d’oliva
  • 4Pomodorini
  • 4 cucchiaiPolpa di pomodoro
  • 1 pizzicoSale
  • q.b.Pepe nero

Preparazione

  1. Ricordarsi di mettere in ammollo i fagioli secchi per 12 ore, prima di iniziare la preparazione della ricetta. Verificare, in ogni caso, il tempo di ammollo nelle varie confezioni che avrete acquistato (possono variare da prodotto a prodotto). 

  2. Una volta pronti i legumi, porre in una padella ampia un filo d’olio extra vergine d’oliva e la salvia e lasciar insaporire.

  3. Aggiungere, a questo punto, i fagioli in padella, i pomodorini a pezzetti e la polpa di pomodoro e acqua.

  4. Proseguire la cottura per un’ora e quindici minuti, lasciando il tegame semi coperto e facendolo andare a fiamma medio-bassa. Girare di tanto in tanto, unendo acqua se necessario.

  5. Nel frattempo, tuffare gli ziti, dopo averli spezzati, in abbondante acqua salata bollente e scolarli molto al dente.

  6. Terminare la cottura della pasta in padella, unendo la sua acqua di cottura per renderla morbida. Regolare di sale e pepe appena macinato e servire gli ziti spezzati ai fagioli.

Abbinamento consigliato

Montefalco (rosso, Umbria)

PER ALTRI  PIATTI SEMPLICI E TRADIZIONALI PROSEGUITE LA NAVIGAZIONE, TORNANDO ALLA HOME DEL BLOG.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *